Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

sabato 31 agosto 2019

VOMITOEMMERDA






























Cromoterapia.
Se mischiamo il giallo ed il verde a seconda della quantità di uno e dell'altro, il risultato sarà sempre una cacchetta molle, una vomitella che rivolta alla vista. Dopo il 4 marzo 2018 abbiamo assistito a questi conati, perchè mandare giù sostanze troppo diverse tra loro è ineluttabile: lo stomaco rifiuta. Ed è esattamente ciò al quale abbiamo assistito per oltre un anno di governo del cambiamento che ribattezziamo oggi della vomitella. Poi si prefigura qualcosa di ancora più inquietante, anzi , diciamo per par condicio egualmente inquietante: la brodaglia giallorossa, due bei colori primari che mischiati danno l'arancione, più o meno intenso. Intanto che la sbobba prende forma, ne escono alcune creature, simili a vermicelli, ciascuno coi suoi distinguo: c'è chi non vuole rinunciare alla poltrona e chi fa il personaggio 'etico'... Morale che la sbobba arancione in attesa di essere trangugiata, si sta ossidando e già tende al marrone. Il marrone si sa evoca molte cose, se facessimo un sondaggio, molti risponderebbero "marrone = nutella", ma ho come la convinzione che oltre il 50% risponderebbe: "marrone = m.....". La lezione di cromoterapia è terminata, buona fortuna a tutti noi che con questi scappati di casa 'giallo-rossi-verdi-azzurri' la prenderemo sempre in quel posto, sempre parlando in maniera figurata...

domenica 25 agosto 2019

IL MOMENTO E' PROPIZIO






























Da qualche mese, con qualche amico se ne parla: abbiamo bisogno di uno strumento nuovo per conoscere nei minimi particolari la vita che scorre tra i 160 km di vie che formano il reticolato della nostra Città. E allora ci pare giusto aprire un nuovo mondo di idee che non siano utopie, di opinioni che non siano offese, vogliamo parlare e spiegare a tutti i legnanesi, soprattutto i perchè, viaggiando tra le righe della cronaca, vogliamo lasciare un angolo permanente alla storia, all'arte, alla musica, ma anche alla scuola, allo sport, sorprendendo di giorno in giorno chi è abituato a leggere le solite cose. Vorremmo parlare con imprenditori con le loro storie, storie che mantengono una grande ossatura nel nostro Comune. Vorremmo aprire un dialogo specializzato con quelle che sono le parti più dimenticate della città: le periferie. Ci piacerebbe tantissimo spiegarvi come funzionano le municipalizzate, con parole semplici, organizzare 'gite' dentro quei luoghi che sembrano non appartenerci. Un giornale di tutti, aperto a proposte originali, sempre sul pezzo, nella speranza di mantenerlo sempre ad altissimo livello, dando voce alle 200 associazioni in Città magari sconosciute ai più. Un contenitore di libertà, di freschezza senza padroni ma con moltissimi collaboratori uniti nella passione per la comunità in cui vivono. Unitamente a tutto ciò, per non rimanere sempre e solo nel proprio orticello, le finestre si apriranno sui vicini di casa e sulla Città Metropolitana di Milano, di cui facciamo parte ed entro qualche anno ne saremo fino in fondo parte integrante... Insomma una novità vera questa Voce, con l'aiuto di tutti, un coro  intonato per una musica perfetta... (poi sveleremo anche il nome che ci contraddistinguerà tra tutti)

mercoledì 21 agosto 2019

L'ADDIO ALL'AMICO GIGI




E così, stasera arriva la telefonata che nessuno avrebbe mai voluto ascoltare: 'domani a san Domenico ci sarà il funerale di Gigi Selmo', anche lui, fulminato da un cancro il quale gli ha lasciato poche speranze e immagino molta sofferenza. Gigi, è stato per me un amico un po speciale, abbiamo fatto un periodo in cui ci vedevamo spesso, la moglie Liana, cantava con noi nel coro, abbiamo visto i loro figli nascere e crescere, Elisa e Gabriele ora non hanno più il loro papà. La foto mi è stata fornita dall'amica Monica, il 28 aprile di quest'anno hanno festeggiato i loro 25 anni di matrimonio... Morire ancora giovani è una tragedia, diciamolo, per figli, moglie e genitori soprattutto, una vera sciagura. Gigi era un uomo mite, buono e disponibile, non l'ho mai visto alterato, anche se probabilmente a modo suo in qualche maniera è stato uguale a tutti noi. Gran lavoratore, riservato e credo un buon padre di famiglia. Questo post è un abbraccio a Lui e soprattutto a Liana, Elisa e Gabriele i quali sentiranno un grande vuoto. Morire in agosto fa ancora più male quando all'ultimo saluto ci saranno amici assenti come me, perchè in vacanza, speravo e speravamo tutti in un miracolo, che ancora una volta non è arrivato. Arrivederci nel regno eterno Gigi, ci cercheremo ancora...

martedì 20 agosto 2019

RISORGIMENTO E RAZZISMO





























La prendo alla larga: dal mese di aprile, a Legnano, un comitato di persone ha deciso in collaborazione con Aemmelineambiente di conservare libri, salvandoli dalla discarica e distribuirli in vari punti della città, ora diventati più di 50. Grazie a questa iniziativa patrocinata anche dal Comune, ho estrapolato 'per le mie voglie' qualche libro, e quelli che vedete in copertina sono due tra i prescelti, due testi che sembrano lontanissimi tra loro, scritti da due grandi giornalisti di due epoche diverse, Indro Montanelli e Gian Antonio Stella. Ottocento pagine in tutto, 500 quelle di Indro, trent'anni di guerriglia e di sangue per arrivare alla sospirata Unità d'Italia, 30 anni fitti di attori con la loro idea: Mazzini, Cavour, Cattaneo, Gioberti, i Savoia, i francesi, gli austriaci, i ducati, il papato, il regno delle due Sicilie, lotte di potere, dove ci si domanda perchè la gente si arruolava per andare a combattere, dove Garibaldi diventa un gigante a servizio di un ideale, forse. Il tricolore, quello che ci piace sbandierare quando fa comodo. Stella invece documenta in maniera esemplare gli effetti del razzismo insito nella natura umana, noi italiani, ma anche nel resto del mondo e, solo se si legge qualche testo ben documentato, si capisce quanti bastardi e teste di cazzo sono esistiti nei secoli, bastardi distruttori di vite umane, frustrati alla ricerca di un autorità razziale che fa accapponare la pelle. Lascia incredibilmente scioccati che nel mondo intero sia così ovunque: dall'Europa all'Asia alle Americhe fino all'Oceania gli uomini bianchi soprattutto ce l'hanno a morte con quelli neri, dopo averli sfruttati per secoli e secoli, si l'Africa un po ne esce sempre martoriata, sarà razzismo anche questo ? Nell'ultimo secolo e mezzo due guerre mondiali inframezzate dal ventennio fascista, poi 70 anni di pace, di sviluppo, di boom economico di peccati insiti nella natura dell'uomo come la corruzione, il furto, la deriva dell'etica, Italia popolo emancipato anche se il 50% degli adulti ancora oggi ha come bagaglio culturale solo la licenza elementare. Abbiamo praticamente tutto e continuiamo a lamentarci e a furia di lamentarci abbiamo la classe politica peggiore di tutti i tempi: inadeguati e scappati di casa nelle Camere dove dovrebbero nascere leggi a favore dello sviluppo e della sicurezza nazionale, Camere dove temi come il Lavoro, la Sanità, le Infrastrutture dovrebbero essere trattati come un oracolo, invece niente, ci limitiamo alle lotte tra cazzari verdi e bibitari gialli, gente senza arte ne parte che non sa nulla e vuole apparire sempre sul pezzo, gente razzista che si affida alla madonna e a Padre Pio, gente che confonde il medio evo col futuro, ed è logico, senza studiare, la laurea non si può acquisire. E allora il mio monito è: LEGGERE, Leggere, leggere, abbiamo un cervello favoloso a disposizione, riempiamolo di contenuti, è inutile morire senza sapere nulla no ? Abbiamo tanti di quei mezzi a disposizione per elevare il mondo a 'paradiso terrestre' ed invece pare ci piaccia vederlo martoriato e senza amor proprio, ma tutto il sangue versato, ettolitri ed ettolitri in tutto il mondo, può ancora nel 2019 vedere miliardi di uomini, donne, bambini morire di fame? E noi, che paio di occhiali abbiamo bisogno per capire che la rotta va cambiata ?  Non è difficile, basta impegnarsi, di fumatori che hanno smesso, ne ho conosciuti parecchi, questione di volontà e navigare nell'intelligenza aiuta a sconfiggere l'ignoranza, il non sapere è una brutta tara, i libri aiutano, non risolvono, ma aiutano, il Risorgimento è già avvenuto, riuscissimo a risolvere il problema razzista partendo da casa nostra, sarebbe già un bell'esempio. Per tutti.

lunedì 19 agosto 2019

LEGNANO E LA SUA STORIA

























In molti mi avevate chiesto di poter scaricare il video in cui Giancarlo De Angeli racconta la 'nostra Legnano'. Eccovi accontentati, il video è stato caricato su You Tube ed è disponibile in tutto il mondo con il titolo LEGNANO E LA SUA STORIA.



fatelo vedere a figli e nipoti, l'emozione sarà sempre tanta...

domenica 11 agosto 2019

SASSOLINI































Sto leggendo un bel libro di Gian Antonio Stella: NEGRI FROCI GIUDEI & Co ( l'eterna guerra contro l'altro), scritto dieci anni fa, e le parole contenute, i racconti, la storia dimostrata dagli archivi, ci riporta all'attualità di oggi, di ieri e (sigh) credo anche a quella di domani già scritta. Il capitolo 7 parla di quella guerra, (vissuta tramite i telegiornali) un quarto di secolo fa nei pressi dei nostri confini, presso una parte della ex Jugoslavia... Ecco, ero già adulto e non riuscivo a capire, la guerra, le guerre comunque mi fanno schifo, e , mentre leggendo Montanelli che racconta i 30 anni di guerre prima dell'unità d'Italia sento una lontananza incolmabile, ripercorrendo la carneficina di quei luoghi così vicini a noi, mi fa anche dire: se esageriamo, succederà anche qui. Ed io, assieme a milioni di italiani, non lo vogliamo, non ha senso, non è intelligente, non è. La cosa più semplice è riportare quel capitolo 7 con 15 foto, non perdetevelo, spero convinca più degli urlatori di piazza, non abbiamo bisogno di odio, ma solo di carezze, di sorrisi, di ascolto.
















sabato 10 agosto 2019

I NUMERI NON SONO OPINIONI


























Sono sempre momenti difficili quando devi mettere le mani nelle tasche degli italiani, il furbetto, il cialtrone lo ha capito. Gli altri non hanno capito un cazzo, gli hanno fatto fare ciò che ha voluto e lui si è preso tutto. Nelle battaglie non si bada ne all'etica ne all'estetica, si rade al suolo ciò che ci si trova davanti, oppure raderanno al suolo te. La banda dei legaioli un anno e mezzo fa fece un accordo con FI e FdI, chiamato coalizione, non ebbero i numeri x governare ed ecco l'invenzione del governo gialloverde, detto 'la poltiglia gialloverde'. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: lo scaltro cialtrone mette in un angolo tutti, pensando di essere lui il Presidente ed una volta acquisita la campagna elettorale perpetua coi sondaggi dalla sua, pensa di sbarazzarsi dell'alleato con un colpo di spugna... Il mondo è pieno di cialtroni, ma questo li supera tutti. Adesso attendiamo le contromosse, le accise e il numero dei parlamentari sono forzature, serve la legge finanziaria e chi tra i contendenti alzerà la mano e dirà 'IO'? Trovare un altro Mario Monti sarà difficile, ci penserà Draghi ? O le logiche saranno sempre quelle del poltronificio ? La legge elettorale che ci faccia scegliere i nostri rappresentanti, è quantomai necessaria, oppure aboliamo il suffragio universale, possono votare solo i cittadini attenti, minimamente informati e con almeno una idea per il futuro del BelPaese...

giovedì 8 agosto 2019

LEGNANO IN UN JUKE BOX



Sto facendo un po di pulizia e logistica di immagini incamerate nel pc raccolte settimana per settimana grazie a tanti amici che le regalano alla 'rete'. Ho deciso di farne un mazzetto e immaginare ogni foto ad una canzone che si sentiva nei jukebox negli anni 70/80... Le foto quindi  perderanno un po di biancoenero, di antico, per divenire colorate e, diciamo così: recenti. Guardandole però vi verrà in mente qualche canzone dell'epoca, da 'Ramaya' a 'Bella senz'anima' oppure 'E tu', 'Obladì Obladà'... Guardiamocele come scolare una birra fresca nella calura estiva... (se poi riconoscete almeno la metà più uno dei luoghi, siete dei veri legnanesi attenti...)

  



foto 1




















foto 2




















foto 3























foto 4






















foto 5



























foto 6






foto 7







foto 8





















foto 9






















foto 10




















foto 11


























foto 12



















foto 13


mercoledì 7 agosto 2019

IL MANIFESTO DELLA LIBERTA'


























Troppa gente non sa più sorridere, non sa più dialogare, sa seguire spesso un' onda che in genere non ha spinto di persona, ma vi ci si trova dentro e ritiene di essere 'propria'. Da oggi ho deciso che la battaglia la continuerò da guerriero non troppo solitario, i leccaculo, gli opportunisti non riesco a sopportarli proprio più. Si, forse ho un carattere di merda, ma voi lacchè di professione non mi avrete mai, ne per un tozzo di pane, ne per 30 denari, e nemmeno per una promessa per qualche parente. Pur non essendo un filosofo o uno psicologo, le parole che leggo sui social mi raccontano molto di più di quanto possiate pensare: un amico mi scrive "ma se non stai con Salvini, non stai con Renzi, non stai coi 5 stelle, con chi cacchio stai ?". Ha ragione questo amico, con gli imbroglioni, impostori, opportunisti, fascisti, ipocriti, populisti, non ci voglio stare, non bisogna per forza stare con qualcuno, le mie idee sono dettate dal buonsenso ed è inutile che parteggi per uno o per l'altro a livello nazionale quando le mie possibilità possono essere quelle relative alla mia Città. Non devo salire su nessun carro, il carro sono IO, e non ho bisogno di chiedere a nessuno anche se mi piace davvero tanto ascoltare chi mi racconta qualcosa di sensato. Si, sono un po controcorrente, ma voi tutti che mi conoscete superficialmente, non riuscite a capire cosa ha voluto dire per me lo schiaffone dell'illusione di rivoluzione che pochi anni fa ha lanciato il Beppone nazionale, ora ritiratosi in pensione col suo bravo vitalizio dopo aver gettato fumo sugli occhi a milioni di italiani. Per sopravvivere ho il mio lavoro, non devo leccare il buco del culo a nessuno, la politica per me è una passione, e mi piace lavorare con gente che mette la passione prima di ogni altra cosa. Non ho paura di alcuna ritorsione velenosa che qualcuno scriverà, non mi interessano gli amici ipocriti che mi sorridono davanti e mi pugnalano alle spalle. Voglio relazionarmi con gente seria, che non necessariamente la pensi come me, ma che sappia quel che dice, lo pretendo, perchè anch'io voglio imparare e non voglio minimamente apparire maestro che non sono. State attenti ai sorrisi ipocriti, ne ho incontrati tanti e ricordatevi che la fiducia la si coltiva, non cade dal cielo. Farò di tutto per tornare nel Consiglio dei legnanesi e non lo farò agganciandomi ad un partito che mi possa dare garanzie, garanzie non ne voglio, garanzie ne posso solo dare, questo sia chiaro. Legnano ha un potenziale immenso ma deve uscire dalla ragnatela delle cricche, dei protettorati, è ora che a Legnano si gusti l'arrosto e non il fumo gettato negli occhi anche con metodi volgari e violenti. Chi ha orecchie per intendere intenda, il resto è pochezza, pressapochismo, provincialismo, il nulla cosmico, avanti Signori, chi ha delle belle idee da sviluppare si proponga, Sindaci burattino non ne vogliamo, sono ammesse da queste parti solo persone vere, capaci e con in testa fantastiche idee per il futuro, il presente fra un secondo è già passato.


lunedì 5 agosto 2019

LA LEGNANO LIBERATA


Bèh, un filo di soddisfazione c'è, qualcuno pensava al colpo di mano di ferragosto, invece, finalmente, la parola fine dopo 2 anni di mandato  'Fratus sindaco' è stata messa, e i legnanesi dovrebbero esultare. E' cambiata la musica dissero dopo il primo anno di amministrazione, ma la cacofonia di quella musica era già sotto la lente di ingrandimento della magistratura, e anche alcuni leghisti cominciarono a puntare i piedi per fortuna. Qui bisognerebbe inventare il vero Palio della liberazione, la via 5 agosto speriamo si possa aprire presto, in confronto alla battaglia del 1176, questa è tanta roba. Legnano tornerà alle urne la prossima primavera accompagnata dal Commissario prefettizio dottoressa Cristiana Cirelli, la campagna elettorale da oggi è aperta, i legnanesi per non cadere in altre trappole, sono invitati ad aprire bene gli occhi, qui di magagne da sistemare ce ne sono diverse: Comune, Amga, Euro.Pa, Accam e poi questioni aperte sulla nuova biblioteca e sulla palata di milioni di euro messi a bilancio per i prossimi 3 anni. Proprio oggi su fb ho riesumato un post di due anni fa, non dico di essere stato profeta, ma almeno profetico si:
Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia avranno ancora la faccia di mettersi in giuoco dopo questo scandaloso comportamento ? Via Fratus, Lazzarini e Cozzi chi saranno i nuovi referenti ? La Città è pronta ad un sussulto di orgoglio ? Serve far conoscere alla cittadinanza tutti i retroscena, serve una informazione non ingessata dagli interessi degli sponsor, serve gente con qualche idea e non solo servi della sacrestia, questo ha bisogno la città di Legnano. Otto mesi di lavoro per presentarsi agli elettori, il tempo di far crescere un bel progetto in grembo ad una madre chiamata Orgoglio Legnanese, quello vero, non dei film, non dello sport, non dello spettacolo...  Quanto sarebbe bello essere pronti fin da subito ad illuminare il borgo divenuto Città, quanto sarebbe bello un Sindaco di tutti sul serio, un Sindaco disposto a stare tra la gente e spiegare il perchè di tutte le azioni compiute... Non facciamoci fregare un'altra volta, Legnano è liberata per i prossimi nove mesi, ma che il parto, non generi altri mostri, figli di accordi squallidi tra partiti e tra interessi di pochi, mentre la moltitudine è sempre li a pagare per tutti i furbetti del quartierino. Buon risveglio Legnano !!


domenica 4 agosto 2019

ESTA TOMMY





































Questo post è per il Tommy che leggerà fra qualche anno, è dedicato a tutti i nonni e nonne del mondo, anche quelli di pelle nera o gialla: come in ogni luogo del mondo quasi tutti i bambini hanno dei genitori e dei  nonni, poi anche zii e  cugini ecc ecc... Quest'anno, avevo un po timore di gestire 24h su 24 per 5 gg con Rosa questo nipotino dai grandi sorrisi ed invece sono stati 5 giorni di elisir vero, una vera festa delle coccole dei sorrisi, delle parole nuove, dei giochi e dei ciao a tutti, di cui questo bimbo è specialista, un 'attaccabottone' in spiaggia, al supermercato, ovunque, un ciao, un bacio un gesto con la piccola mano, non si nega proprio a nessuno. Il risveglio tra i sorrisi, i cani e i gatti che fanno tutti bau, e la festa si completa da sè, pollice in bocca e sorrisi, Tommy grazie di esistere, ti abbiamo riconsegnato ai tuoi genitori felice e contento, speriamo che duri tanti anni questa tua voglia di crescere sereno, in un mondo di adulti che poco tempo hanno da dedicare a figli e nipoti. Questo ruolo meraviglioso del nonno non ancora nonno mi piace assai ed un nipote deve portare giocoforza felicità nelle famiglie. Tommy ora lo fa, i suoi meravigliosi sonni sono un sogno, i suoni che emette un mistero della natura e ogni giorno una novità, come giusto che sia. Gustiamo questi momenti, soprattutto da genitori e successivamente da nonni, emozioni indelebili del nostro passaggio sul pianeta Terra, meritiamo sorrisi non cose orrende, spegnamo tv e telefonini per gustare in ogni momento possibile questi messaggi di chi è nato dopo di noi, archi vitali per lanciare frecce nell'universo...