Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

venerdì 31 maggio 2019

L'ALBA DI UN GIORNO DIVERSO













Dopo aver vissuto la mia 'prima volta' nel Legnano calcio tra il 2011e il 2013 come impegnato in prima persona, ho trasferito la mia passione sportiva dallo stadio al palazzetto, questa volta in veste di spettatore e fino a ieri, direi, rose e fiori, ma la vita, lo sappiamo, non è una favola e la realtà è fatta di persone, di cose e di denari. Lo sport come i semi delle carte lombarde coi cuori, fiori, quadri ( i toscani li chiamano 'mattoni') e picche che poi è come dire spade, bastoni, denari e coppe... In un lustro abbiamo vissuto di tutto, il PalaBorsani partendo dal PalaKnights sembravano 'mondi incantati'. Mantenere la categoria A2, vale a dire la serie cadetta dei campioni professionisti, non è facile e oltre alle persone motivate servono SOLDI , per fare cose belle serve quello sterco del demonio, difficile andare avanti a chiacchiere e sottili e taglienti critiche. Stimo il près Tajana e mai come ora, senza giri di parole si è arrivati ad un bivio: o saltano fuori gli sponsor o il giocattolo svanirà ( questa in sostanza è la panoramica uscita dall'ultima conferenza stampa). Che le difficoltà non siano partite da ieri, lo abbiamo capito tutti, abbiamo ancora negli occhi la perplessità del campionato appena concluso che, per fortuna, ci ha regalato quel colpo di coda da lacrime di gioia...


Dicevo un bivio, ma per essere precisi, direi una rotonda con 4 uscite e utilizzo la grafica del settimanale Settegiorni per fare le considerazioni personali...









Questa è la soluzione in cui c'è da scommettere quanti tifosi (noi insomma) sarebbero disposti a metterci del loro per raccogliere quei 250mila euro necessari oltre al main sponsor, botteghino e altro. Un lavoro faticoso, che a me piace molto perchè identifica un senso di appartenenza forte, la perplessità rimane quella di trovare 1000 sponsor disposti ad aprire il portafoglio per una passione, per tenere vivo un luogo di socialità sportiva davvero importante per Legnano. L'idea andrebbe però spiegata per bene e sponsorizzata nel giro di 15 gg ( entro un mese bisognerà pure iscriversi al prossimo campionato)








L'ipotesi 2 non è male, i denari serviranno lo stesso, cediamo una sorta di porzione di 'sovranità', ma essere 'satellite' della storica Varese, non mi fa paura, costringerebbe la società ad un patto preciso e puntuale, si continuerebbe a giocare al PalaBorsani, attualmente considerato come 'il nostro piccolo palazzetto', anche in questo caso si potrebbe mettere in appendice l'azionariato popolare più contenuto, quello dei 100 euro per aggiungere 100mila euro ad una cassa che piange sempre...









Faccio il tifo perchè l'Urania venga in A2 da sola, domani i ragazzi milanesi si giocheranno in 'gara 3' contro l'Omegna il secondo dei tre punti che servono per essere promossi, se l'Urania si garantisse da sola l'accesso in A2 vincendo la finale, farebbe cadere l'ipotesi di una fusione x il titolo, ce la ritroveremmo il prossimo anno come avversaria nel girone Ovest, con loro potremmo giocare 'il derby' vero tra due 'milanesi' (siamo o no città metropolitana ?). Domani sera andrò a vederli e tiferò certamente per l'Urania Milano.









Faccio finta di non leggere questa quarta e funesta ipotesi, vorrebbe dire 'cancellare' il Legnano basket knights e sarebbe una tristezza senza fine, capiamoci, la vita va avanti lo stesso, ai più rimarrebbe incomprensibile il perchè dello scavalcamento delle ipotesi precedenti, ma io sono un inguaribile ottimista e credo che si farà di tutto per scegliere la 1 o la 2 nel segno della continuità... Quasi dal nulla è stato creato un gran bel giocattolo, una preghiera al près: i denari fondamentali, ma anche le persone di valore non vanno perse per strada, come in ogni ambito, prima cosa la collaborazione, dal magazziniere al presidente, questo è il collante necessario e come ha concluso nel suo ultimo video il fedelissimo Max: "chi vuol esser lieto sia, del doman non v'è certezza" (Lorenzo il Magnifico 1449-1492)


mercoledì 29 maggio 2019

IL REGALO DEL 29 MAGGIO























Certo che i vertici Rai hanno scelto una bella giornata per dire NO alla diretta della corsa ippica del Palio di Legnano 2019...  Annunciato come una grande vittoria della giunta fino a poche settimane fa, ecco che tutto torna come prima: saranno i soliti a commentare tutta la giornata, eravamo pronti a bullarci perchè ci avrebbero visto da Bolzano a Lampedusa: i nostri colori, la nostra vivacità, Legnano unica città citata nell'Inno oltre a Roma, insomma, dai, diciamolo, eravamo orgogliosi di questo evento 'nazionale'. Evento nazionale invece è diventato il 16-17-18 maggio quando sindaco, vice e un'assessora sono stati portati via e sostituiti con la dottoresa Cirelli, colei che indosserà il mantello del Supremo Magistrato. Ventinove maggio, festa della Lombardia, voluta fortemente da Maroni 6 anni fa, festa che nessuno sente, che nessuno celebra, andate a vedere il protocollo regionale di oggi, praticamente una formalità... Ironia della sorte, nel giorno della festa, chiamiamola così, arriva lo schiaffo alla Città del Carroccio: troppo vergognoso far sapere a tutta Italia che in questo momento c'è il facente funzoni del Prefetto, meglio soprassedere... Imbarazzante sarebbe stato (sulla rete controllata dalla Lega) che il cronista avesse spiegato il perchè del Commissario qui da noi, Noi che non abbiamo mai  avuto un Sindaco donna da oltre 150 anni, tanti sono quelli trascorsi dall'Unità... Un ventinove maggio che fa vergogna e allora si toglie come gli striscioni dai balconi, quelli non in linea con il 'capo'. Il 'mondo dei Palio', di tanti legnanesi che si impegnano tutto l'anno per far sempre più bella la manifestazione, forse non meritava questo schiaffone, sarà tutto bello lo stesso ma Rai due sarebbe stata la Ferrari Testarossa, quello che rimane è sempre quello che abbiamo visto e sentito negli anni passati. In tribuna centrale, niente giunta, niente sindaco, solo i consiglieri che decadranno tra 10 giorni, questa è la Legnano di questo momento, ma sono convinto che la passione nostrana, non verrà intaccata da tutto ciò, ci sarà la sfilata (azz, meteo.it parla di 29 gradi nel pomeriggio) e ci sarà la corsa ippica con una Contrada vincitrice, e allora buon Palio 2019 per chi è appassionato, con o senza sindaco, la vita continua...



















Foto di Francesco Morello.
























L'ULTIMO SALUTO ALLA PINèTTA
























La notizia era nell'aria, ma noi non ci volevamo credere, la speranza è sempre l'ultima a morire... Alberto Destrieri, 72 anni, è stato 'la Pinètta' per una vita, lavorando anche con Felice Musazzi nello stesso ruolo... Non più di un mese fa fu ricoverato quasi contemporaneamente con un altro personaggio 'storico' della compagnia, Giordano Fenocchio, vittima di un incidente automobilistico, ma, ironia della sorte, contemporaneamente ho ricevuto la notizia che Giordano sta meglio e si riprenderà al 100%, Alberto invece non ce l'ha fatta. Voglio abbracciare la moglie Marisa e i figli Elena e Alessandro, dentro quel piccolo uomo quanta simpatia, quanta arte del buon umore, indimenticabili i suoi occhi azzurri, le sue gesta sul palco. Aggiungo delle foto che mi sembrano significative, scaricate dal suo profilo fb, ciao Alberto, ci mancherai...
L'ultimo saluto, sabato 1° giugno ore 10,00 nella chiesa di San Giovanni.





















martedì 28 maggio 2019

SCORREGGE IN SALSA PADANA





























E potevo star zitto sulla tornata elettorale del 26 maggio 2019 ? Certo che no, per tanti motivi: 10 giorni fa, Legnano si trovava senza sindaco, vice sindaco e assessora ai lavori pubblici, poichè portati via, due ai domiciliari ed uno in galera, costoro facevano parte della Lega il primo e di ForzaItalia gli altri due. Notizia che vola su  tutto il territorio nazionale, sconforto e disorientamento tra molti cittadini, poi arriva il test europeo con un risultato già scritto sui sondaggi: Lega tra il 30 e il 35%, PD oltre il 20%, 5 stelle in caduta libera, ma nessuno pensava la discesa al 17%, FI e FdI reggono ancora bene, anzi, i secondi migliorano il risultato di 5 anni fa. Stupore e sorpresa ? Ma va, con un ministro che da 1 anno intero invece che fare il ministro fa propaganda perpetua anzichè lavorare per il Paese, questo era scontato, solo degli scappati di casa come i 5 stelle potevano permettere a questa persona di fare e disfare qualsiasi cosa ed il risultato poteva essere solo questo: e dirò di più, il Bullo, farebbe bene far saltare il governo riproponendosi in  coalizione col Silviuccio e la Meloni, stavolta il 40% lo supererebbero in carrozza e si toglierebbero di mezzo i dilettanti allo sbaraglio. Ma io sono un pirla, ci saranno gli intelligenti ad attuare ciò. Una faccenda solo volevo ricordare agli italiani dalla memoria corta: cinque anni fa al test europeo, un altro Matteo, questa volta di cognome Renzi, provocò uno scossone ancor più grosso, arrivò quasi al 42% con le sue promesse di rottamazione, si amici, sono passati solo 5 (cinque) anni, e a furia di fare il bullo, in un paio d'anni si è bruciato leadership e metà del consenso. Poi è arrivato il Bullo dellle bibite al San Paolo, un sacco di parole al vento e dopo aver raggiunto il 32% solo 14 mesi fa ha fatto la cazzata di scegliere personaggi-macchietta come ministri, mentre quell'altro preparava la futura e scontata vittoria. Anche il secondo bullo si è bruciato, ed ora siamo arrivati al terzo, un piccolo duce del terzo millennio che con le chiacchiere è bravissimo, permaloso quanto basta per non sopportare il dissenso e cieco nel capire che del 60% che vota, uno su tre lo preferisce, ma gli altri due vogliono altro, cioè non uno spargi fumo, un turibolo parlante. I Bulli faranno tutti la stessa fine, e il nostro popolo li ama in qualche maniera, un popolo che cambia spesso idea, e spesso accetta qualsiasi schiaffone pur di stare sul carro dei vincitori, e dei venditori di fumo... Poi, per finire in bellezza, ti ritrovi i leghisti locali che non capiscono che non è certo merito loro la raccolta di milioni di consensi, tanto più che hanno in casa uno scandalo fresco fresco, e si affrettano a tirare bordate su chi intelligentemente prima di loro ha denunciato il malcostume legnanese. Sti leghisti lo fanno col loro stile inconfondibile di vendicatori mascarati, 'espulgendo' dalle loro menti il veleno della pochezza di spessore che si ritrovano addosso, ma il pubblico applaude felice, scorreggiando abbondantemente sotto il tendone del circo... Vi attendiamo a primavera 2020 sempre nel circo legnanese, farete la fine dei vicini Rescaldina, San Vittore Olona, Busto Garolfo dove è la gente, i cittadini, quelli che fanno la differenza, non il simbolo scorreggione.

lunedì 27 maggio 2019

GIANNI, PERCHE'?





































Ancora non ci credo, ho perduto un amico gentile, Gianni Stirati, professione giornalista, uno di quelli giusti, di quelli che facevano la professione senza pisciare mai fuori dal vaso, senza credersi i Travaglio de noantri o peggio, i Feltri de noantri. Lo conobbi in forza al settimanale 'Settegiorni' , negli ultimi anni ingaggiato dalla Prealpina , non sono mai mancati i nostri momenti di confronto, lui come me era apassionato di Basket e degli sport in genere, una coltellata la notizia della sua improvvisa e prematura morte. Essendo amici su fb, sono andato a catturare alcune sue foto, a perenne ricordo di una bella persona che ora non c'è più e ciò fa molto male. Ci vediamo in paradiso Gianni, ne sono certo...



Qui in versione 'giovanissimo' anno 1990





sabato 25 maggio 2019

LEGNANO ASPETTA VOI

























Quello che è successo a Legnano nel 2019, non è mai successo dall'Unità d'Italia ad oggi... Altri episodi relativi a crisi tipo tangentopoli o all'arresto di un vice sindaco un po di anni fa, quello si, noccioline in confronto a questo tsunami istituzionale. Si tornerà a scegliere il prossimo Sindaco fra un anno, e in un anno si possono organizzare un sacco di cose belle. La speranza è che nessun partito si riappropri del potere a Palazzo Malinverni, ne a destra, ne a sinistra, è invece l'occasione d'oro per sfoderare la potenza Civica, che possa 'in house', dimostrare che Legnano c'è. Ma Legnano deve meravigliare se stessa, Legnano deve capire che questa volta sul serio, deve succedere qualcosa di meraviglioso. Ho parlato quest'oggi con un paio di giovani che hanno ancora il coraggio di seguire la politica locale e li ho esortati a prendere questa futura occasione per dimostrare che sti giovani non sono tutte pappemolli e disinteressati alla vita sociale, è arrivato il momento che si facciano carico di una carica rinnovata, si mettano assieme creando un forte gruppo e appoggino il candidato che meglio credono, meglio per loro come prima esperienza, il 'Civico' che scaturirà. Dall'umiliazione subita dopo le ultime vicende giudiziarie, potrebbe rinascere per contrappasso una nuova stagione politica legnanese, e perchè aggregarsi a questo o quel partito? Venti o trenta giovani che sappiano tracciare una linea con un punto di vista totalmente diverso da noi adulti, da 'noi' 'esperti', pensare ad una lista di giovani sotto i 35 anni che possa entrare in Consiglio Comunale sarebbe veramente 'aria nuova', farebbe bene a tutti, anche ai dinosauri che ancora si affacceranno per acquisire qualcosa... Dai ragazzi, pensateci, tirate fuori i vostri sogni, la vostra giovinezza e le vostre idee, porteranno altri giovani ad interessarsi della Città, ne sono sicuro, non fatevi attirare dalle sirene di chi vi prometterà qualcosa, siete grandi a sufficienza e finalmente potreste avere un ruolo chiave sulle decisioni che man mano verranno prese dalle future amministrazioni. Niente furbetti o opportunisti, solo appassionati e geni del futuro, questo serve, serve per unire le varie generazioni, in fondo il futuro siete voi, mica i nonni... Mi auguro questo succeda veramente, sappiate che c'è da lavorare sodo anche per tenere assieme il gruppo, ma, sono certo, ce la farete...

venerdì 24 maggio 2019

NO PROFIT, NO PAY





























Stasera al Teatro Tirinnanzi le scuole elementari Carducci hanno messo in scena il loro recital, coinvolgendo tutti o quasi gli studenti delle classi 3^,4^ e 5^, uno spettacolo veramente bello e meritevole. Sei mesi fa sono venuto a scoprire che le scuole legnanesi non hanno almeno una gratuità annuale al suddetto Teatro e tutto ciò mi ha lasciato scandalizzato, tanto che scrissi questo post qui:
Nei mesi successivi ho provato a mettermi d'accordo con l'assessore alla partita, il quale mi chiese di avere un minimo di pazienza, poi a fine gennaio iniziarono a scoppiare i primi bubboni e arrivati quasi a fine maggio, ancora una volta la scuola ha dovuto sborsare oltre 1500 euro per fruire del Teatro Città di Legnano. Ora siamo in un vuoto governativo, il problema difficilmente lo potrà risolvere il futuro Commissario prefettizio, io questo nodo me lo tengo aggrappato al collo: non è concepibile chiedere alla scuola un contributo per coronare un anno di lavoro... Non si è mai visto che dopo aver acquistato un auto, dopo aver pagato bollo e assicurazione, dopo aver messo benzina o gasolio, si debba pagare anche l'uso della chiave a pagamento. Detto ciò, i ragazzi sono stati stupendi nelle loro interpretazioni, la maestra Laura osannata a fine dello spettacolo dai ragazzi stessi e le magie del mago Geko hanno completato lo stupore generale. Con santa pazienza diciamo: più teatro per tutti ! ( e per le scuole tutto aggratisssss)

giovedì 23 maggio 2019

EMOZIONEVOLISSIMEVOLMENTE A2






















E chi si dimenticherà questo anno pieno di sofferenze che alla fine fa venire solo le lacrime di gioia ? Trenta partite in regular season, 6 vittorie 24 sconfitte, per arrivare poi a due interminabili play out, altre 10 partite, questa volta con sei vittorie e 4 sconfitte centriamo l'obiettivo: si rimane in A2. Grazie près per i tuoi sforzi, grazie a tutto lo staff, al coach Mazzetti, grazie ai ragazzi che hanno lottato fino all'ultima sirena. Quest'anno praticamente due campionati in una sola stagione, 72 ore fa eravamo tutti brutalizzati dall'ultimo canestro di Appling al PalaBorsani, che ci ha rimandato la festa, anzi, diciamolo, ce l'ha proprio rovinata. Siamo andati a Piacenza a riprenderci ciò che meritavamo, è il caso di dirlo. Quel canestro di capitan Ferri all'ultimo secondo contro Cento, sarà quello che più rappresenterà la stagione appena terminata, i 30 punti di vantaggio di questa sera, la rappresentazione onesta del divario che c'è stato tra le due squadre: non potevamo andare in B con i biancorossi piacentini, ce la siamo andata a cercare Gara 5, con le nostre stesse mani... Tutto è bene ciò che finisce bene, una stagione piena di incertezze questa, con una squadra tutta nuova, diventata bella sul finale quando abbiamo imparato a conoscere i nostri Cavalieri. Un pubblico spesso ingeneroso ha mugugnato fin troppo durante l'anno, eravamo più deboli degli anni passati ma come non ringraziare Thomas e Raffa ? Come non poter ammettere che Giordano Bortolani è una promessa vera ? E Michelone Serpilli ? Mille auguri al nostro lungagnone di Davide Bozzetto che fra qualche mese diventerà papà, un grazie a Sebastiano Bianchi, cresciuto tantissimo in stagione, una menzione per capitan Ferri, a lui rimarrà il merito del canestro più importante della stagione, poi i due Marco, Corti e Laganà, Gabrielone Berra e gli altri ragazzi che cresceranno insieme ai grandoni... Un saluto special anche allo sfortunato Gabriele Benetti, insomma una bella famiglia, dove anche il ruolo del magazziniere è importante... Lollo, che bello sapere che ci sei ancora, assieme a Maurizio siete la sicurezza per la società. Antonio Fagotti grazie, chissà se la prossima stagione ci vedrà ancora tutti sorridenti al PalaBorsani, me lo auguro, se arriva un main sponsor con tanti bei soldini da spendere, Gasparin, Casella e Pastore per una squadra ancor più vincente... Presidente, che non ti vengano in mente strane idee, tu sei il Legnano Basket, facci godere ancora con sto giocattolo, noi pirlotti, cercheremo di portare il nuovo Palazzetto in Città, ah lo sai che forse è arrivato il momento giusto ??  Buona stagione a tutti, oggi è un bellissimo giorno, in una settimana emozioni a non finire, Legnano ombelico d'Italia !!!























martedì 21 maggio 2019

I 110 ANNI DI PALAZZO MALINVERNI

























Aspettando la nomina del Commissario Prefettizio che arriverà verosimilmente fra una ventina di giorni ( non mi dispiacerebbe rimanesse in Città la dottoressa Cirelli), qualcuno getta lo sguardo oltre le vacanze estive, quando le giornate torneranno ad essere si di 24 ore ma con poca luce e tanto buio... Mi proietto al 28 novembre 2019 quando il nostro Municipio compirà 110 anni. In un momento così, andrebbe addobbato a festa sventolante di bandiere tricolori come amano fare i francesi. Al 'centenario' l'allora Sindaco Lorenzo Vitali, snobbò l'evento, su mia insistenza, l'allora assessore Renzo Brignoli mi concesse di esporre 70 stampe formato A3 all'ingresso principale, per 15 giorni a cavallo di tale data. Quello fu il ricordo dei 100 anni della casa di tutti. Col Commissario, mi piacerebbe organizzare qualcosa di più gradevole in un momento delicato, dove la struttura senza il suo Sindaco si sentirà meno orfana di se stessa. Palazzo Malinverni è un capolavoro, e 10 anni fa lo celebrai con questo video un po naif:


Ma lo scopo di questo post è di coinvolgere la Città, magari anche le scuole, insomma, in un momento di vuoto, approfittare di questa ricorrenza per sentire più nostra la casa di tutti, casa costruita in 3 fasi diverse conclusesi nel 1909, 1933 e 2002. Godiamocelo il nostro Palazzo, gustiamolo osservandolo e fotografandolo, grazie ai nostri antenati di qualche generazione ce lo abbiamo così bello, ha solo l'età di un trisavolo ma è giovane come un ragazzotto delle nostre scuole superiori... Ci state a partecipare alla festa del 28 novembre 2019 in cui tutti noi diventeremo protagonisti ?










































































Dai, organiziamoci con le idee, poi coinvolgeremo il Commissario.
















SARA' IL TERZO CAPOLAVORO ???



Che emozione Angelo Vignati che mi chiama e mi dice: Dany voglio che tu sia uno dei primi a leggere il mio terzo libro, e secondo voi, quanto ho atteso per averlo in mano ? Venti minuti, e sono fiero di ospitarlo sul blog per poi diffondere le sensazioni una volta 'consumato' ( e lo farò entro fine mese). Grazie Angelo per la fiducia che riponi in me, ho ancora stampato nella mente i due precedenti romanzi, il primo più toccante perchè svolto nella sola Legnano, il secondo, geniale nei suoi intrecci, bellissimo... Ora ti cimenti col titolo 'straniero' Yesterday, te se propi un 'ganassa'... Le emozioni di Spirito e Polvere le racchiusi in questo post
Quattro anni e mezzo dal tuo debutto, poi ti presentasti al Welcome hotel due anni dopo e li si capì che come scrittore non scherzavi affatto, ora, lo so già, sarà l'apoteosi del 'trittico'...


Una caratteristica comune: tre copertine firmate dall'amico in comune Maurizio Frattini, tuo coscritto, legnanesone come te...
















Lo so già che sarà un successo, non sappiamo ancora la prima data di presentazione a Legnano, mi hai detto che il 23 giugno sarai sicuramente a Cuggiono nella meravigliosa cornice di villa Annoni e io, come tanti di noi, ti auguriamo grande successo, e grazie mille per la dedica autografata...


domenica 19 maggio 2019

IL QUAQUARAQUA























19 febbraio 2019, in quello che possiamo definire l'ultimo Consiglio comunale vero dell'era Fratus, preannunciai la loro fine, chiedendo ai colleghi leghisti di staccare la spina... Con le regole non ce l'abbiamo fatta perchè si sono attaccati ai cavilli, ci ha pensato la magistratura a mettere la parola fine a questa vergogna.
Guardatevi questi 4 minuti di video, alla fine come risposta il vice sindaco mi diede del quaquaraquà, sono fiero di esserlo ( e la gente in aula lo sommerge di fischi bloccandolo)

https://www.youtube.com/watch?v=vS09skmKXwE




sabato 18 maggio 2019

SULLA VIA DEL PROTOCOLLO




















Ragazzi, in questi due giorni sto blog è preso d'assalto per sapere qualcosa sullo tsunami istituzionale chiamato Piazza Pulita e aggiungerei Nuova battaglia di Legnano per liberarci dai tiranni stranieri che vengono da lontano. Per fare questo e unire le forze, è obbligatorio imparare a memoria l'inno scritto da Ernesto Parini scritto quasi 70 anni fa...


Per quanto riguarda invece la parola fine a questo mandato capitanato dal signor Fratus, direi che i consiglieri rimasti teoricamente in carica, dovrebbero fare quel bel gesto di mettersi in fila al protocollo e presentare le proprie dimissioni: dottor Federico Colombo, fai la cosa giusta per il tuo gruppo, dimettetevi tutti e 9 e la prossima primavera vi riproponete senza compagni scomodi, è un gesto di dignità, tanto cosa avete da perdere? Avvocato Gianluigi Grillo, oramai la disfatta è compiuta, voi ci credevate ma forse avete capito che vi hanno fregato o siete convinti del contrario ? Anche per voi quattro, mettervi in fila dietro i leghisti non sarebbe male... Infine il solitario fratello d'italia che non vuole cantare l'inno di Mameli in Consiglio ma preferisce occuparsi di questioni venezuelane: Bonizzoni, chiudi la fila e riproponiti in primavera 2020, lo faremo tutti, speriamo senza certi protagonisti, ma lo faremo, la Città riconoscerà in voi uno spirito di grande responsabilità, farete risparmiare denaro pubblico con Consigli farsa come quello in calendario per venerdì 24 ore 9,30 e torneremo a confrontarci sulle piazze con uno spirito rinnovato. sappiate che questo consiglio che vi do, è oro.
A presto ragazzi, con un nuovo spirito di servizio verso la Legnano dei legnanesi per bene.