Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

lunedì 21 gennaio 2019

ERAVAMO TUTTI NELLO SPRUZZO DI SPERMA



























Ho paura.

Ho paura di questo mondo che piano piano sta dimenticando i sentimenti per lasciare spazio solo ad egoismi e cattiverie. Ho paura degli ignoranti, che erano sperma come me, come gli 'intellettuali' ,come chiunque stia leggendo, ma non riescono a mettere in moto se stessi, reagiscono d'istinto o 'di pancia' come si dice. Ho paura perchè non ci si vuole abbracciare più, ho paura perchè si fa fatica a dialogare, perchè il modello 'Don Camillo e Peppone' era un grandioso esempio di convivenza civile, ora è tutto e solo uno stadio. Quanti di voi che leggete, vi siete domandati qualche volta: perchè proprio io sono stato il più lesto in quella nuotata con milioni di concorrenti ? CHIEDETEVELO CAZZO, chiedetevi se siete stati bambini, chiedetevi se avete avuto il sorriso di un padre, di una madre, di un fratello, di una nonna... Ma non vi ricordate i vostri primi 10 anni di vita ? Si sognava, si sorrideva, si giocava, fino allo sfinimento... Poi è successo qualcosa nel sistema mondo: noi siamo nati in un luogo fortunato dove c'è un bel clima, c'è da mangiare e bere, c'è da riscaldarsi, e potersi muovere in fretta con aerei, treni, automobili, siamo nati in un periodo storico dove non abbiamo conosciuto guerre, pestilenze, malattie endemiche... Non sappiamo cosa sia la fame e la povertà e siamo diventati cattivi dentro, egoisti nel midollo, il denaro, la fama, la voglia di emergere, ci trasformano tutti in automi incapaci di essere parte della vita sociale, siamo i Razzi del 'fatti li cazzi tua', ci mancavano anche telefonini e rete per sfogare le nostre frustrazioni... Eravamo tutti per dirla proprio volgarmente 'una sborrata verso l'utero', e invece di cogliere la fortuna di questi anni di vita meravigliosa in maniera positiva, siamo delle bestie ignoranti, incapaci spesso di intendere e di volere. Non sappiamo cosa vogliamo dal mondo, e invece che far prevalere la socialità, preferiamo l'horror. Gigi Buffon, il famoso portiere della nazionale, persa una Coppa dei Campioni si sfogò contro l'arbitro, essendo a suo avviso stato danneggiato,  dicendogli, di avere un bidone della spazzatura al posto del cuore... Ma noi italiani, uniti forzatamente un secolo e mezzo fa sotto la bandiera tricolore, che cazzo di bidone della spazzatura abbiamo dentro quando non riusciamo ad avere un briciolo di vergogna per tutti quegli esseri umani che annegano in mare perchè disperati, neri, stranieri ? Abbiamo paura del diverso perchè ci verrà a rubare l'aria ? Mi rivolgo a quelle persone che sembrano persone per bene, e magari pure paolotti, frequentatori di chiesa tutte le domeniche e pure fruitori della santa Comunione: ma come fate ad essere così ipocriti ? Eravate come detto, eravamo tutti uno schizzo di sperma e tutti moriremo, e tutti marciremo coi vermi che ci consumeranno o bruciati in un falò a pagamento, se ci andrà bene, ci ricorderanno con un pezzo di marmo per i futuri 50/100 anni a seconda dello stato sociale. Ma non vi mancano gli abbracci di uno sconosciuto e/o di una persona amica ? Ma non vi mancano i sorrisi dei bambini  ? Ma non vi manca la voglia di confrontarsi sui temi dei misteri della vita? Ma il confronto sano, quello dove finita una discussione hai imparato qualcosa, non vi manca ? Solo minchiate da tifosi e gossip sui personaggi famosi della tv e dello spettacolo ? Noo, ditemi che si può ancora fare qualcosa, ditemi che si possa accendere una speranza ai nostri giovani studenti, a coloro che giocano ora negli asili nido e nelle scuole materne... Sappiate comunque che volenti o nolenti, nel 2050, fra poco più di 30 anni, la popolazione europea arriverà a toccare la parità tra europei autoctoni e stranieri da tutto il mondo, sappiate che in Italia fra 30 anni scenderemo di 7 milioni di unità e anche qui la media di autoctoni e stranieri sarà quasi quella della media europea. In questi ultimi anni stiamo perdendo mezzo milione di italiani ogni santo anno: pochi bambini e troppi vecchi, il saldo quindi fatelo voi... Chiudete gli occhi, pensate alla vostra vita, createvi le emozioni più belle, se le guerre non riusciamo a fermarle aggiungiamo gesti d'amore e non di rabbia a questo mondo già infame... Continuiamo a farci domande senza cercare soluzioni preconfezionate, impariamo a distinguere i disonesti dalle persone per bene... Impariamo a leggere, cibo per la mente, impariamo ad avere dubbi, non serve essere laureati, ma non basta solo l'esperienza di vita per capire il mondo... Voler bene alla vita vuol dire fare qualcosa per essa, la natura ci aiuta sfamandoci, nei secoli e millenni che ci hanno preceduto, qualcuno è vissuto e morto per regalarci benefici, non posso credere che la maggior parte degli italiani creda a sta specie di surrogato di neofascismo, quello che in maniera simile, i nostri nonni han conosciuto vivendo i primi 50 anni del '900. Se si vuole salvare la razza così per sport, si facciano politiche in cui si incentiva a fare figli, in cui si incentiva a fare qualsiasi tipo di professione, in cui si incentiva l'istruzione per un libero arbitrio... Lo straniero non può essere un nemico, è solo uno/a nato da un'altra parte, con le nostre stesse speranze ed emozioni, nato anche lui durante un amplesso d'amore... Ditemi che sto facendo un brutto sogno, ditemi che c'è ancora una speranza per vedere un'Italia capace di guardare al futuro e non chiusa nella sua ignoranza con questi fantocci senza arte ne parte... Moriremo più contenti e consapevoli di non aver vissuto invano, anche noi involontariamente, abbiamo tolto la possibilità di vita ad altri esseri, non possiamo farlo da organi complessi, meriteremmo l'estinzione....

domenica 20 gennaio 2019

SAN DOMENICO E SAN MARTINO






Siete obbligati prima di iniziare la lettura del post, a cliccare sul link in alto alla foto, infatti per non scrivere molti doppioni, la storia di don Emanuele Cattaneo parte da quel post e continua qui grazie al ritrovamento di un vecchio documento datato 1933 con questa copertina. Qui scopriremo nuove foto, nella pubblicazione, in particolare, si festeggia il 25° di sacerdozio nella neonata parrocchia di  San Domenico, il tutto partì il 30 marzo del 1908...
Ma voglio partire da questo ragazzino di nome Emanuele Cattaneo da Rovellasca:


Per poi vederlo diacono qui sotto


Continuando nella sua maturità


Per poi ricordarlo assieme ai parrocchiani























E la sua chiesa che ha fortemente voluto, fuori e dentro...


Così dal 1908 al 1929



Così dal 1930 grazie all'industriale Bernocchi




Nel 1925 arrivarono nuove fiammanti anche le campane nell'elegante campanile...























Ma parrocchia san Domenico significa anche Chiesa o meglio oratorio di san Martino, ed ecco due immagini interno/esterno, datate 1933



Una storia molto bella quella di Don Emanuele Cattaneo, il quale ha vissuto tutta la prima metà del 900 con noi a Legnano. Visse le due guerre nel nostro territorio, provò l'ebbrezza del 'ventennio' di Mussolini, se potesse ancora raccontarci qualcosa quel vecchio parroco vissuto fino ad 88 anni... Eccolo nel ritratto dei suoi ultimi anni, un volto soddisfatto di ciò che ha compiuto, ricordiamoci di lui quando passeggiamo davanti a quel tratto di corso Garibaldi...



E per finire le due immagini del Papa Pio XI e del card Shuster all'epoca dei festeggiamenti del 25° e l'ultima immagine del SS Crocifisso spostato dal convento di santa Maria degli Angeli alla vecchia chiesa di san Domenico e poi trasferito da 110 anni li, nella teca lobata al centro dominante del monumento cristiano







Ah che sbadato, vi avevo promesso una foto della vecchia chiesa, non la vediamo in facciata, sappiamo solo che era li in mezzo alla attuale e che la tennero in piedi fino al termine della costruzione della nuova per demolirla a lavori ultimati... Siete pronti ??



sabato 19 gennaio 2019

E' NATO IL SALVATORE !!!


























Dai , oggi scherziamo un po sui travestimenti del salvatore della Patria, il ministro dell'Interno che ama il carnevale come se stesso. Però, questa testimonianza, dimostra che in fatto di originalità, qualcuno lo aveva già preceduto nel 2013: nella foto specifica assieme ad deputato Riccardo Olgiati, si stava festeggiando il raggiungimento del 25% nazionale dei 5 stelle. All'epoca molti sorrisero per la goliardata e molti criticarono ritenendo irriguardoso nei confronti del Consiglio Comunale la sceneggiata... Morale: quest'oggi mi sono recato in posta e ho spedito il vestito al Viminale, quando il sommo Matteo, avrà finito il giro dei travestimenti e vincerà le elezioni Europee (le vincerà ?) avrà il coraggio di presentarsi alle Camere vestito da Signore del Giorno ? ( per lui e solo per lui 'Salvatore della Patria'). Lo scopriremo solo vivendo, come dice il senatore Gabriele Lanzi dalla provincia di Modena, 'mancano 127 giorni alle consultazioni Europee che si terranno il 26 maggio 2019'...

venerdì 18 gennaio 2019

CHE DUE MARONI !!!

























No, non volevo entrare nel merito dello scempio, ma qualcuno dovrà pure rispondere di un restauro durato 45 giorni per rendere Legnano più 'green' ed il risultato ottenuto è avere Legnano più 'brown', il colore della cioccolata, della terra e...




Cioè, nei giardini privati, l'erba rimane verde anche col gelo e con le intemperie, qui a Legnano, in centro, nel famoso salotto-gabbiotto, il green diventa brown in 2 mesi scarsi.... Duecentomila euro di intervento per fare più bella la 'piastra' per avere questo effetto CAGATA TOTALE senza per altro dare la colpa ai cani. Assessore Venturini, dica ai legnanesi cosa è successo, dirigente dr Zanotta, giustificate questa schifezza inguardabile, mandate qualcuno a sostituire sto tappeto, una vergogna per la nostra bella Città. Nemmeno la finta nottetempo di colorare di verde gli spazi che dovevano diversificare l'intervento fatto 3 anni fa, cosa facciamo ? Ridiamo ? Piangiamo ? Proprio oggi pomeriggio ero a commentare con amici questo scempio, poi Alessandra Oldani ha postato ste due foto.... Ma ci dobbiamo far scivolare addosso proprio tutto ? Questa è peggio dei topi di via XXV aprile !

mercoledì 16 gennaio 2019

TIRINNANZI DAPPERTUTTO

















Un legnanese medio, sente parlare di sti Tirinnanzi ma non si fa troppe domande, pensa solo che sia 'uno famoso': le scuole, la via, la piazza, il teatro, il concorso di poesia... Avendo trovato un bell'articolino del 1991 che sintetizza la lunga storia della famiglia spalmata per oltre un secolo, ho deciso di includerla nel blog per arricchire ulteriormente le nostre conoscenze... 
















Ed ora i volti di Giuseppe, Talisio e Alberto...






domenica 13 gennaio 2019

AI TEMPI DI POTESTIO



Sabato, ho incontrato un vecchio amico, uno di quei bimbi che ho fatto giocare per anni all'oratorio e che oramai, mi segue a ruota verso l'autunno 'umano', è stato un incontro molto, molto 'empatico' e alla fine saltano fuori due gioielli di pubblicazioni legnanesi da cui nasceranno due post, il primo, questo che dedico alla figura dell'ex Sindaco dott Mauro Potestio e in settimana ci sarà una rivisitazione della figura di don Emanuele Cattaneo.


Mauro Potestio fece il Sindaco tra il 1990, finito il turno di Piero Cattaneo e la bufera di tangentopoli (1993) che segnò la chiusura anticipata del suo mandato, era l'epoca di Craxi al top della sua notorietà. Il Sindaco pubblicò un libro con qualche foto di Legnano e molte attività che immagino fecero da sponsor alla pubblicazione, quelle pagine sono quelle che in parte riporto, non tutte, altrimenti non finisco il post, alcune attività ancora fiorenti, altre chiuse da tempo, qualcuna appena terminata, insomma, sarà come rivisitare Legnano 30 anni fa, e alla mente rifioriranno ricordi. In copertina, la foto aerea con la vecchia Comerio rasa al suolo, tra via Gaeta e via Rossini alle spalle del binario 3.





































Avevamo 3 Colombo assessori, avevamo un futuro deputato e un amico della rete come l'avv Franco Brumana.



































La Legnano col Banco Lariano....





































































Gli ultimi anni della scuola materna comunale di cso Magenta, poi nel mandato dell'arch Turri, il trasferimento in via Cavour...