Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

mercoledì 20 dicembre 2017

L'INNO MINATO & IL CONSIGLIO SPACCATO






























Ma la vergogna più grande dell'ultimo Consiglio Comunale del 2017 è stata la bocciatura dell'Inno Nazionale all'inizio delle future sedute. Partito Democratico (democratico ?), Forza Italia, Lega Nord hanno detto no con delle scuse puerili, gli ordini del dominus oramai sono di cassare qualsiasi cosa il Movimento per Legnano proponga, ( poi il dominus fa fermare tutto per un quarto d'ora x cercare di ricucire gli scazzi dopo il tradimento sul voto della vicepresidenza). Guardate la registrazione dello streaming dal minuto 1 ora e 26 minuti, ne sentirete delle belle...






















Poi il giornalista della Prealpina Marco Calini fa la migliore ricostruzione della serata. Cosa altro aggiungere ? Personaggi ambigui tramano x ottenere benefici personali anzichè guardare ai progetti per la città, partiti spaccati nel loro interno che ostentano unità di intenti, persone ingabbiate nella loro bandierina partigiana che non riescono ad esprimere dissenso o libertà di pensiero. povera Legnano, ci dobbiamo proprio accontentare di qualche ologramma sui muri nel periodo natalizio, poi, vedrete comincerà il caos, ma non devo dirlo io, lo diranno i fatti.
P.S.
Solidarietà al capogruppo della Lega Nord Federico Colombo il quale nel pieno svolgimento del Consiglio, è stato richiamato nell'anticamera dell'aula consiliare dal capogruppo di Forza Italia per essere riempito di soprusi urlanti. Consigliere Munafò, non tutto si può nella vita, i soprusi verbali in pubblico sono vergognosi e indegni, sono peggio di una violenza fisica, una terapia a base di Inno di Mameli avrebbe fatto più che bene fin da questa seduta. E che le vacanze di Natale e Capodanno portino consiglio.
P.S 2
Complimenti vivissimi agli esponenti del gruppo Fratelli d'Italia (dove ?), ho saputo che nemmeno 24 ore dopo il Consiglio, celebrando i loro auguri di Natale con la cittadinanza al Palazzo Leone da Perego hanno iniziato la loro festicciola ( 30 misere presenze circa) cantando l'inno di Mameli... Meritate tutti un plauso speciale: il premio incoerenza dell'anno.

Nessun commento:

Posta un commento