Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

venerdì 10 febbraio 2017

COGITO ERGO RUGBY SOUND

http://danielebertisindaco.blogspot.it/2017/01/rugby-sound-affare-o-fastidio.html

Un mese fa, feci delle considerazioni sullo 'scoop' del Rugby Sound che potrete rileggere nel link qui sopra, ora chiarite un po di cose, si può guardare il tutto con una nuova prospettiva. Il post non sarà breve, preparatevi e mi preparo anch'io alle critiche d'ufficio che riceverò copiose...





























Prima considerazione: la partita di venerdi scorso allo stadio Giovanni Mari, ha fatto comprendere di che pasta è fatta la società sportiva del Rugby Parabiago 1948, gente tosta e con le idee chiare, un pacchetto di volontari da fare invidia alla Protezione Civile, questo ci fa capire come potremmo star sereni sull'organizzazione, visto e considerato che la manifestazione in oltre 15 anni è sempre cresciuta, un po come la nostra Legnano Night Run, per fare un paragone... Seconda considerazione, il RS, chiamiamolo cosi, non è la 'discoteca al Castello' che tanto ha fatto arrabbiare molti concittadini nel 2011 per aver 'violentato' il Castello nel suo intimo interno, le manifestazioni si svolgeranno tutte all'esterno, nell'isola sul retro del recinto del castello nei suoi 12500 metri quadrati, quasi 2 campi di calcio messi insieme... In quei 10 giorni, dal 30 giugno al 9 luglio, ci saranno 3 grossi concerti e molte serate in cui l'affluenza sarà molto inferiore alle diecimila o 5mila degli eventi di punta, vi saranno serate organizzate dal Comune di carattere sportivo, culturale, folkloristico, pagate appunto dal RS, perchè non approfittarne ? Ammettiamo pure che gli abitanti della zona trovino sconveniente 3 concerti per l'inevitabile frastuono fino a mezzanotte, lo possiamo pareggiare con dei tornei di basket, piuttosto che di calcetto, o del ballo liscio o della serata 'giochi senza frontiere' ? Per la fauna del parco, due ore di musica a palla per tre serate sarà peggio di 3 temporali estivi che fanno danni sonori e non solo ? Certo, per sdrammatizzare, se una sera c'è il concertone, poi una sera il temporale, poveri uccelli, rimarranno nei loro nidi, ma non c'è per esempio gente che si lamenta anche per i fuochi d'artificio che spaventano cani e gatti ? Non conviviamo forse con decibel altissimi per il traffico e respiriamo aria mefitica in ogni minuto della nostra esistenza ? Sulla convenzione, non è previsto l'uso del cortile del Castello, solo sul retro, nel 'pratone recintato' ci saranno delle attività, non ci sarà nemmeno la ristorazione in quel luogo, perchè il tutto si svolgerà 'nell'isola'. Nella mia immaginazione, proporrei agli organizzatori, ma più che a loro ALLE CONTRADE, di preparare nel cortile del castello, 8 stand, uno per contrada, stand promozionali anche per vendere prodotti griffati coi propri colori e una gestione congiunta del capanno con la ghiacciaia per la raccolta di fondi per il restauro delle stalle , magari in quei giorni si potrebbe raccogliere un bel gruzzolo per cominciare a ragionare in quel senso e poter dire: quella parte l'abbiamo restaurata noi coi nostri sacrifici ( il primo ospedale cittadino nacque da una sottoscrizione, non da chiacchiere e nemmeno dai fondi che arrivavano dalla Regione ). Non vi pare una buona idea questa ? Dove gira gente, gira denaro, e dove il denaro avanza, si possono fare belle cose a beneficio di tutti.  Terza considerazione: il Presidente del Rugby Parabiago Marazzini, con i soldi avanzati da questo evento, manda avanti una società di 500 giovani della zona, qualcuno certamente di Legnano, per quale motivo allora non essere protagonisti con loro di una bella storia di sport ? Loro, a Parabiago, hanno il rugby in serie A, noi abbiamo il basket in A2 e quanto non è bello gioire in 2000 ad ogni domenica al PalaBorsani ? Promuovere eventi che favoriscano lo sviluppo dello sport, mi trovano pienamente favorevole, lo sport a Legnano dovrà progredire a tanti livelli e dovranno progredire le sue infrastrutture, portate al passo coi tempi, lo sport ed il turismo dovranno essere le nuove frontiere anche sul fronte dell'occupazione. Quarta considerazione, il rischio d'impresa: chi mi dice che per una serie di macumbe di gufi cedroni, proprio nei giorni dei 'concertoni' un temporale rovini tutto e 'rovini' anche gli organizzatori economicamente... Mi ricordo che nel 2011, la Giunta Vitali chiese per l'affitto del Castello 100 mila euro agli organizzatori, fu un'estate tremenda, temporali serali in serie fecero 'fallire' il bilancio, che chiuse per quel'anno in rosso, l'anno successivo ed ultimo, la Giunta appena insediata di Centinaio ne chiese solo 25 mila tra le mille proteste dei residenti, ma fu l'ultima, ed ora a 5 anni di distanza si ripropone una cosa nuova, un'occasione per tutti e non solo per i ragazzi amanti della discoteca. Fra 20 giorni ci sarà il programma completo degli eventi, e ci scommetto che ciascuno di voi, ciascuno di noi, almeno 2 o 3 sere sarà all'isola del castello per partecipare agli eventi e, una birra, un panino, un prodotto tipico della zona, un gelato, un succo di frutta, verrà consumato da tutti. Dai, quest'anno si prova, se diverrà un successo per tutti, coinvolgendo mondo dello Sport, dello Spettacolo, del Palio e della Cultura, ne avremo guadagnato tutti, il Rugby Parabiago, da convenzione garantisce serietà e competenza, poi si sa, chi fa può sbagliare, chi non fa, non sbaglia mai. Io sono fiducioso e chiederei a TUTTI  di prendere in considerazione tutti i sistemi per la raccolta di fondi per restaurare le stalle e poter cosi completare la culla storica del nostro Borgo divenuto Città nel 1924. Pensiamoci e rimbocchiamoci le maniche un po tutti.

















4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Sono parrzialmente d'accordo solo in senso logico sulle possibili prospettive future, ma non ora e non sulla collocazione dell' evento.
    A differenza di te e altri, io conosco da tempo la serietà e la capacità organizzativa del Rugby Sound, la cui volontà e buona fede non è mai stata messa in discussione, quindi ben vengano a Legnano ( in altra location !!! ) loro ed i loro concerti che spesso ho seguito data la mia trascorsa esperienza e la trentennale attività imprenditoriale in campo radiofonico e musicale! !!
    A questo punto parlo a titolo personale e ribadisco che oltre all'aspetto logistico, esistono altre questioni di principio e coerenza che questa giunta ha umiliato con metodo impositivo saltando ogni confronto e dialogo. Le promesse di salvaguardia e rispetto del Castello esplicitate nella campagna elettorale del 2012 ed usate contro la precedente giunta Vitali, sono state disattese senza argomentazioni convincenti ma con logica di chi vuole far vedere ad ogni costo che comanda e non intende discutere, anzi si impunta irritato per ribadire il proprio potere. Oggi posso dire di aver sbagliato a non votare la giunta Vitali (che appoggiai nel 2007 come pure le precedenti di Cozzi) e di aver preso lucciole per lanterne appoggiando purtroppo quella attuale. *°•F¸۞¸R•°*

    RispondiElimina
  3. Sono concorde: ho apprezzato più volte la bellezza della festa e la qualità dello show del RS così come miei amici che venivano da tutta la provincia per gustarselo.
    Sono quasi euforico nel sapere che questo evento adesso sarà ad un passo da casa mia e sono davvero curioso di sapere come potrebbe evolvere in appuntamento fisso.
    Penso anch'io che ci sono possibilità di visibilità per le contrade come per le associazioni e anche, perché no, affari.

    RispondiElimina
  4. Ho letto il tuo articolo tutto d'un fiato. Vorrei farti i complimenti perchè hai disegnato l'evento meglio di come lo potesse fare Van Gogh. Oltre quello di vedere una Legnano VIVA e non morta come troppi la vorrebbero .Dà fastidio qualunque cosa, la Coppa Bernocchi, il Giro d'Italia femminile, il Rugby Sound, i concerti a mazzafame ( ricordo polemiche sui Punkreas, i Modena , ecc. ecc). Bravo Daniele...rimbocchiamoci le maniche un pò tutti!

    RispondiElimina