Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

venerdì 15 luglio 2016

DEMOCRAZIA A MODO LORO


Mentre in Francia si stava consumando una delle più orribili stragi, i nostri fenomeni nostrani organizzavano la pantomima in sala consiliare per sancire la loro vittoria: porteranno alcune centinaia di disperati in Città e si sfregheranno le mani per l'affare che gli gira intorno. I cittadini legnanesi prendono atto e se anche non sono d'accordo, un bel chissenefrega ed è finita li. Questa è la democrazia della banda del comitato culturale Polis e del suo rappresentante sommo, ora sindaco di Legnano (e ovviamente dei 'seguaci' ridotti ad un manipolo di qualche decina di persone). Pesantissima questa cosa, pesantissimo aver organizzato un incontro con la claque che applaudiva il solone di turno. Guarda caso, apprendo da Legnanonews, il prefetto 'casualmente' non c'era e i giochi non erano da discutere, i giochi erano fatti, oramai da settimane, ma apparire democratici fa sempre figo e loro sono bravissimi su questo. Come sempre poi le bugie nelle dichiarazioni sono più che clamorose: il sindaco afferma che sui 25 ragazzi di via Quasimodo c'è un progetto che va avanti... MA COSA STAI DICENDO ? Gli avete fatto fare 'i vigili' davanti alle scuole per una settimana e loro pretendevano di essere pagati, gli avete detto che non si poteva e loro sono rimasti a casa e avete dovuto ripiegare sulla ricerca di nonni... Falsi come giuda, vergognosamente falsi, il metodo di mentire sapendo di mentire oramai è diventato quotidiano. Non vedo l'ora che arrivi la prossima primavera per resettare questa bugiarda amministrazione, fallimentare e piena di dilettanti allo sbaraglio, pronti però a saltare sul carro di 'interessi diffusi' 'sempre umanitari' mica per il proprio interesse... Vergognosi e irrispettosi anche del Consiglio Comunale intero, ignorato e sbeffeggiato ogni qualvolta si affronti un argomento, c'è da rimpiangere un passato che non è da rimpiangere e questa la dice lunga sulla capacità amministrativa di questi soggetti...

Questo articolo racconta la cronaca della presa per i fondelli.

Nessun commento:

Posta un commento