Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

domenica 31 luglio 2016

QUESTA E' LA VECCHIA LEGNANO



























Questa stupenda panoramica, mi è stata girata dall'amico Claudio che a sua volta l'ha avuta da uno dei più grandi 'storici' contemporanei della zona: Giacomo Agrati. Questa non l'avevo ancora vista, è datata 1890, e con ogni probabilità è stata scattata dal campanile di san Magno: si riconosce in maniera netta sullo sfondo la strada del sempione con l'ospizio sant'Erasmo e la chiesa della Madonnina, in primo piano, l'antico nucleo del cotonificio Dell'Acqua. Centoventicinque anni fa, non nell'anno 1000, solo 125 anni fa, guardate cosa c'era a Legnano: quasi nulla, eppure nel 1890 abitavano circa 10 mila anime nella famosa località della battaglia contro il Barbarossa... Che Legnano fosse 'un borgo' a quell'epoca lo sappiamo tutti, spiegarlo alle nuove generazioni pare impossibile, solo queste immagini raccontano per bene questo luogo cosi trasformato in poco più di un secolo...

















Qui siamo sull'Olona all'altezza di via Guerciotti per esempio... Nel 1939 il ponte fu demolito per raddrizzare il corso del fiume (tratto dell'attuale ponticello personale, verso via Gorizia e viale Toselli)

















Qui nel 1876 all'inaugurazione del finto monumento di Egidio Pozzi


Qui invece intorno al 1890 siamo sulla XXIX maggio, dove c'era la villa dell'on Dell'Acqua all'angolo con via Cairoli...




E la nostra penta secolare Basilica a cavallo dei due secoli passati...
Ma vogliamo vedere qualche scorcio all'interno del borgo a fine 800 ?
La filatura Martin nel 1881


La Krumm sempre nel 1881

Il cotonificio Dell'Acqua da altra angolazione...

E che ne dite del primo padiglione dell'ospedale visto dai colli di Sant'Erasmo ?

O nei pressi, la strada del Sempione già solcata dai binari del tram ?

E, un passo indietro, la piantina pre unitaria, qui si arrivava si e no a seimila abitanti...

sabato 30 luglio 2016

IL VOLTO DEL BENEFATTORE (Elia Crespi)





























Finalmente abbiamo il volto di Elia Crespi, ex assessore democristiano per 2 mandati dal 1951 al 1961 quando il Sindaco si chiamava Anacleto Tenconi. Si faceva chiamare Elio, e nacque a Legnano il 19 novembre 1916, per poi trapassare il quel di Arona il 10 marzo del 2014 (confermato dall'ufficio legale del Comune) . Come già raccontato in un post di due anni fa, quest'uomo ritiratosi negli ultimi anni di vita sulle rive del lago Maggiore, ha deciso di lasciare tutti i suoi averi al Comune di Legnano, nessun parente, il suo pensiero è andato alla Città che ha amato, e ha restituito alla Comunità tramite testamento, le sue sostanze. Non parliamo di bazzecole, parliamo di oltre 400 mila euro in contanti e un appartamento del valore di altri 150 mila, totale vicino ai 600 mila (poi c'è un contenzioso con dei lontani parenti della compagna che ha convissuto con lui per diversi anni, e si potrebbero aggiungere altri 200 mila euro circa.). Morale, a quest'uomo bisogna erigere un monumento, quei soldi il Comune li deve 'investire' in opere pubbliche, e quanto sarebbe bello fossero investiti per il restauro e ripristino dell'ex tribunale dopodichè dedicare alla memoria il palazzo ? Sarebbe forse il suo sogno, essere ricordato vicino al suo amico ragionier Anacleto Tenconi, nella piazzetta inaugurata il 2 giugno del 2015. Quando scoprii questa cosa, scrissi questo post:
poi ne scrissi altri per cercare di proporre qualche idea sul destino delle opere eventualmente da finanziare, oggi l'idea + bella mi pare questa, l'ex tribunale ha bisogno di tornare a vivere, e se questa Giunta non ce la farà, per il prossimo lustro, sarà indispensabile far rifiorire e rivivere quel luogo dedicando un cubitale Grazie all'ex assessore democristiano con il cuore molto legnanese.


















Eccolo qua a destra in primo piano...



















 E a fianco del suo grande amico Sindaco Tenconi.

Assessore, grazie di tutto, 60 mila legnanesi apprezzano il tuo grande gesto, rimarrai per sempre nella memoria di tutti noi...

venerdì 29 luglio 2016

HANNO UCCISO IL SOVRAPASSO (chi sia stato non si sa..)

























Ebbene si, anno 1960, spunta fuori questo documento del Comune di Legnano : è fatta, si farà un sovrapasso che partirà appena dopo via Plinio sulla Montebello, supererà la ferrovia e atterrerà all'incrocio di via Venezia/Sauro con una bella rotondina, tutto appaltato e pronto con nomi e cognomi... Poi ? Mistero, nessuno sa come sia andata a finire la cosa, era lo stesso periodo in cui si stava progettando o il sottopasso o il sovrapasso centrale, all'epoca si superava la ferrovia senza 'sbarre' solo da via san Bernardino... Nel disegno si comprende benissimo il progetto, il ponte largo 10 metri abbondanti + i marciapiedi laterali, come sarebbe stato ora quel luogo con un 'ponte' anzichè una sottovia ? Forse si diede la priorità al centrale, ricordiamo inaugurato il 12 settembre 1965 ? Come mai tutto pronto e non se ne fece più nulla ? Forse qualche anzianotto legnanese si ricorda, forse sarebbe il caso di frugare nell'archivio storico, questa opera avrebbe certamente cambiato i destini urbanistici della zona san Martino, e non solo, anche dell' Oltrestazione... Vi posto qui sotto l'articolo originale edito a cura del Comune di Legnano.










Allargate le due immagini per leggere bene il testo, preciso e deciso, chi riuscirà a svelare il segreto del sovrapasso sparito ??

giovedì 28 luglio 2016

I 50 MESI DI CENTINAIO (tiriamo un sospiro di sollievo, ne mancano solo 10)



























Nessuno potrà mai dimostrare che, nel caso avesse vinto Vitali le elezioni al ballottaggio 2012, la Città del Carroccio ad oggi, giovedi 28 luglio 2016 sarebbe messa meglio della situazione attuale. Se avesse vinto Vitali però, non avremmo conosciuto le grandi doti di questi amministratori, doti svelate da subito, con l'applicazione ai massimi livelli o quasi delle odiose TASI, TARI, IMU, addizionale IRPEF...Poi verso il quarto anno qualche ritocco al ribasso, cosi, in vista della prossima campagna elettorale. Lavori pubblici estratti dal cilindro del programma io amo Legnano prossimi allo zero, Legnano doveva diventare in 5 anni l'Amsterdam delle piste ciclabili, ( i fenomeni di riLegnano che mi accusano dal loro sito di essere 'un leone da tastiera'), strade ? Un groviera come i marciapiedi, ma ora con lo sblocco di alcuni milioni di euro grazie alle manovre sibilline di Renzi, arriva qualche opera sulle strade, al cimitero e poco più, i tagli dei nastri della Bretella, Teatro, Riqualificazione Castello sono tutti progetti avviati precedentemente da Vitali & company. Biblioteca ? Blablabla ed è ancora li ad attendere... Cittadella della fragilità ? Bla bla bla ed è ancora allo stesso punto di 4 ani fa. Chiusura dell'inceneritore ? Sembrava tutto fatto, ma i geni della sparigliatura cambiano le carte in tavola su decisioni prese all'unanimità in Consiglio Comunale. In compenso quello su cui si sono cimentati è esemplare: riqualificazione del Cadorna: una vaccata di progetto che è stato modificato grazie ad una pressione mediatica senza confini, impianti sportivi fermi ad eccezione di qualche intervento spot che non hanno cambiato per nulla lo status di precarietà che va dalle palestre agli impianti natatori agli impianti sportivi in genere. Progetti futuri x l'area ex Tosi: zero, sono state spese risorse per il salvataggio del ramo d'azienda della ex Tosi, ma quelli sarebbero affari più da sindacalisti che da amministratori pubblici, mentre sull'area c'è questo mistero del Commissario straordinario che decide Lui per tutti, perchè lui deve portare a casa il malloppo, e in sede di revisione del piano regolatore (pgt) non si capiscono le mosse decise nelle segrete stanze, in barba alla trasparenza. Vengono però buttati al vento altre decine di migliaia di euro per la modifica di uno strumento burocratico che al cittadino normale proprio non gliene cala nulla se non la consapevolezza che paga pure lui le bizze degli amministratori. Vogliamo parlare del trasporto pubblico ? Dove sono ste fantastiche idee ? Vogliamo parlare della stazione ? Della percezione di sicurezza che si ha in Città ? Vogliamo parlare degli scivoloni continui sulla gestione del verde pubblico ? Vogliamo parlare del funzionamento del portale del cittadino ? Oppure vogliamo ridere un po sul successo del bilancio partecipativo ? Sarà mica la madonna esposta in Comune a Natale ad essere la punta di diamante di questa Giunta ? Ex tribunale e giudice di pace dove li vogliamo mettere? Siamo riusciti a fare anche una figuraccia con la delegazione cinese prima di Expo su quell'argomento...Una Giunta che governa con un terzo dei consensi, dovrebbe stare più accorta anche sui suggerimenti di chi sta all'opposizione, invece niente, solo aria fritta, regolamenti x complicare la vita, Consulte inventate e poi relegate ad un inutile finta istituzione di comodo. E il futuro della ex Accorsi ? Parole, parole, parole, ma nel frattempo, si creano consorzi di ogni genere per avere un po + di potere sui comuni limitrofi, si crea Euro.pa spostando il lavoro che faceva amga service, ma non la sostanza, si distribuiscono contributi a pioggia alle associazioni cosi si è più simpatici, il problema dei rom è stato spostato da san Paolo ad altre zone della periferia, ma per loro, tutto bene, un successo. E il test sui 25 profughi che da 2 anni sopravvivono in via Quasimodo ? Questo test fallimentare ( non vi è progetto oltre alla mera sopravvivenza profumatamente pagata dalla collettività) dovrebbe far ben pensare all'arrivo dei prossimi 300, invece x loro sono 'una risorsa'. Ma risorsa de che ? I legnanesi sono chiamati ad adempiere ai loro doveri di cittadini contribuendo con le tasse che ogni mese arrivano imperterrite, però, non possono decidere nulla in questi casi, perchè c'è sempre un ente superiore 'che obbliga' qualcuno 'a fare'. E sul futuro della Caserma ? Come la mettiamo una volta scongiurato il pericolo di una tendopoli interna ? La sconfitta di Vitali ha fatto del bene alla Città perchè ha fatto conoscere il vero volto di questo catto-comunismo povero di idee e ricco di boria amministrativa: si utilizzano le istituzioni per moralizzare una cittadinanza che non ne ha bisogno. L'azione del Sindaco deve essere AMMINISTRATIVA, non ideologica, questo è il primo errore e la fossa che si sono scavati Centi e company, che per primi hanno scontentato parte del loro gruppo di maggioranza, e poi a seguire tutti gli altri. Io sono un ignorante, lo scrivo e lo sottolineo, ma di fronte a tali azioni mi sento UN GENIO, uno statista e non ho problemi ad esprimere le mie idee perchè sono UN UOMO LIBERO, perchè giro la Città a testa alta senza chiudermi nelle segrete stanze per inculare la cittadinanza, perchè non mi vergogno di essere cosi, perchè non mi vergogno di dire HO SBAGLIATO, perchè sono semplicemente umano. In politica però vale anche la legge della guerriglia proprio perchè siamo tutti unici e irripetibili, si vuole ostentare unità anche quando non c'è ed ho la fortuna di venire a sapere da varie parti le vergogne che si raccontano 'nelle segrete stanze' che non servono ai cittadini, bensì alle povere vanità personali. Lo ripeto, Legnano ha bisogno di CERVELLI non di marionette, perchè Legnano ha un destino unico e cioè quello di trasformarsi continuamente, e se il 'cemento' è finito da un certo punto di vista, occorre guardare la luna e non il dito, Legnano non merita questa mediocrità. Questi 50 mesi hanno messo a nudo tutti i talloni d'Achille di gente che da dei populisti e demagoghi 'agli altri', che da 'dei mafiosi' ai seguaci del centrodestra tramontato, ma che in fondo in sè, almeno qui a Legnano, ha dimostrato di essere una banda di dilettanti allo sbaraglio, spesso supponenti, normalmente permalosi e pieni di sè. Se ignorate tutte le critiche e i suggerimenti che arrivano, fate benissimo, oramai la vostra fine è annunciata da tempo, non combinate altri guai che ci dovremo smazzare nel prossimo lustro o meglio ancora nel prossimo decennio... Anche voi riLegnanini avete qualcosa da imparare dal Bertone e dagli altri 60 mila Bertoni presenti in Città che contribuiscono allo sviluppo della stessa. Bye.



















Come diceva Vitali: questi mentono sapendo di MENTIRE... Hanno superato anche le previsioni degli avversari....Geniali !

lunedì 25 luglio 2016

JACOPO ORTIS DE NOANTRI 4

























E dopo tanto tempo, arriva la quarta lettera dedicata al nostro sindaco, la uno la due e la tre ve le linko qui sotto per fare la storia di queste 'missive'




I tre temi trattati nelle lettere erano: inaugurazione teatro, vicenda Cadorna e nella terza l'assurda modifica del pgt a fine mandato con un occhio di riguardo all'area ex Franco Tosi.
Oggi invece, iniziamo a parlare di campagna elettorale per il prossimo anno, e del premio che ti ha dato Sala perche sei il più bravo...
Carissimo Alberto Centinaio,
come hai potuto notare, ti ho messo come foto di copertina il nostro albertone con gli occhi azzurri, per dargli ancora più importanza, ho letto quindi che Sala ti ha premiato aggiungendo alla tua delega per lo svilupo del lavoro, il sostegno alle fasce deboli e alla disabilità. Quindi facciamo bene i conti: sei sindaco di Legnano, ma siccome hai poco da fare, ti sei tenuto la delega alla Polizia Locale cosi nessun altro potrà interferire sui fatti di corso Magenta, tu sei il dominus anche li ( ma quante ore passi la dentro ? Qualcuno dice che metà del tuo tempo lo passi a Milano in CM). Prima, quando c'era Cusumano e prima ancora Faggionato, quando si andava in Cso Magenta all'ex Macello, gli assessori c'erano quasi sempre, infatti venivano pagati x questo, tu invece sei cosi bravo che riesci a fare Sindaco, assessore, consigliere metropolitano e assessore metropolitano... Ma chi te l'ha fatto fare ? Nel senso, tu sei stato chiamato per fare il sindaco, per far lavorare la tua squadra di governo, il resto lo dovevano fare altri, capito ? Nemmeno a 9 mesi dalla tua dipartita da Palazzo Malinverni ti arrendi, anzi 'raddoppi', bravo. Un tuo amico iscritto PD mi aveva assicurato che non ti saresti più ricandidato x la Cità Metropolitana, invece ti piace troppo star li a discutere negli uffici importanti, e poi ci vuoi lasciare un bel ricordo con i profughi in arrivo, chi più di te merita un premio ? Nessuno, tu sei il più bravo, chissenefrega... Dovresti fare il sindaco a Legnano...Ah già, tanto c'è Livio Frigoli, lui è il vero titolare della poltrona somma... Pensavo che per lo sprint finale volessi amare solo Legnano, invece ste sedie ti piacciono troppo, ma dimmi, le farai le primarie per capire se la tua maggioranza ti vuole ancora ? Sai, mi vengono a raccontare tante cosine, non posso fare la serva e citare nomi e cognomi, ma nel 2017 a differenza del 2012, tu non sei più la novità, ti sei svelato e abbiamo visto i risultati, perciò, in maniera naturale avrai contro tutti quelli che non ti hanno votato l'altra volta, più parecchi 'dei tuoi' che insomma non è che siano proprio soddisfatti. Poi ricordati che hai anche tu le SERPI IN SENO, quelli che ti sorridono davanti e dietro hanno la spada rovente da infilarti alle spalle...Dai retta ad un cretino: sii tu ad indire le primarie di coalizione, se ti verranno appresso sei in una botte di ferro, altrimenti sei destinato alla Waterloo della primavera 2017. Vedi te, io una mano te l'ho data nel 2012, ora te ne voglio dare un'altra: scrivi la parola fine alle tue voglie e pensa alla Città, essa ha bisogno di altro, non di vizi, non di personalismi. Però se ti vuoi candidare a tutti i costi, fallo, sarà molto + semplice per tutti, farti accomodare nei banchi dell'opposizione, in attesa dei grandi discorsi scritti dal poeta... Buon futuro signor sindaco !


domenica 24 luglio 2016

MAGA HO UN DUBBIO...























Maga Maga, perchè mi fai venire dei dubbi ? Nessuno riesce a dirmi di preciso se sia un magheggio o un incantesimo ed allora provo scrivere qui, sul mio blog, nella speranza che qualcuno mi venga a raccontare la verità. Antefatto: avevamo nella Giunta legnanese fino ad un anno fa l'assessora Francesca Raimondi in quota 'ri-legnano', nei suoi 3 anni di assessorato è riuscita a chiudere una convenzione con museo di Gallarate MA*GA in cui il Comune di Legnano cede per 3 anni il Leone da Perego a suddetto museo mettendoci dentro 60mila euro annui, totale 180mila in 3 anni ed in cambio loro ci curano le mostre che fino ad oggi abbiamo visto all'antico palazzo in centro città. Dopo aver dato le dimissioni, l'assessora è divenuta parte del Consiglio di gestione nessuno mi sa dire però se con un contratto di lavoro piuttosto che a titolo gratuito. La parola 'consiglio di gestione' lascia pensare a qualcosa di più che il disbrigo di pratiche burocratiche, e allora qualche dubbio può venire e per dirla in maniera molto maliziosa, risulta strano che poco dopo l'accordo tra ma*ga e Comune l'assessora si sia dimessa e 'casualmente' sia entrata nel Consiglio di gestione... C'è una specie di odore di conflitto di interessi, nessuno riesce a spiegarmi bene, tutti rimangono sul vago o sui 'non so', vediamo se questo post che tra poco sarà pubblico riuscirà a togliere tutti i dubbi. 


venerdì 22 luglio 2016

UNA DATA SIMBOLO: 28 NOVEMBRE




























Il prossimo 28 novembre 2016, Palazzo Malinverni compie 107 anni, questa casa dei legnanesi bellissima, patrimonio dell'umanità ha con se un carico di significati, e quel prossimo lunedi 28 del mese novembrino, mi piacerebbe tanto diventasse un compleanno speciale per la realizzazione  quanto scritto a gennaio:
http://danielebertisindaco.blogspot.it/2016/01/legnano-e-la-sua-storia-da-sfogliare.html

Sarà una piccola-grande soddisfazione riuscire a presentare proprio quel giorno li la raccolta di immagini che potrei definire 'opera editoriale', che diventerà un piccolo museo che va ad aggiungersi a ciò che nel tempo è stato visto, mi piace essere e divenire una piccola goccia nel mare che si aggiunge a quanto scoperto fin ora. La memoria, lo ripeto fino allo sfinimento, questa amica di cui spesso ci si dimentica, e allora bisogna fissare nella memoria tanti piccoli istanti vissuti da chi ha avuto il coraggio di 'immortalare' quell'istante preciso in un luogo preciso della Città o del borgo. Se cliccate sul link sopra vi sono immagini poco conosciute, qui in basso, per dare corpo al post, ne aggiungerò altre come funzione di 'antipasto' e si sa, l'appetito vien mangiando...



























Queste foto sono tratte da pubblicazioni o gentilmente offerte da Luigi Botta, Luca Nazari, Guido Tenconi, Teo Lazzati.

giovedì 21 luglio 2016

CHIARA E' LA TUA SORGENTE


Bene, oggi è il 21 luglio 2016, e mi sembra doverosa una riflessione, e questa riflessione la farò con la mia ex compagna di viaggio 5 stelle Chiara Bottalo, ora assessora alle attività educative e unica donna presente in questa Giunta squilibrata in cui le quote rosa contano fino ad un certo punto ( 7 maschi e 1 femmina, questo è lo squilibrio). Dunque Chiara, dimmi se racconto balle: raccogliemmo assieme le firme per il m5s alle regionali del 2010 quando tentammo di mandare il raccomandato Crimi al Pirellone, poi nell'estate dello stesso anno andammo assieme a Cesena per la Woodstock a 5 stelle, poi ci preparammo nel 2011 per 'cacciare' quei cattivoni del centrodestra che a nostro avviso avevano portato alla deriva la nostra Città. Poi a febbraio 2012 decidesti di uscire dal gruppo perchè la maggioranza schiacciante di esso decise per proporre gli sgomberi a oltranza dei rom di san Paolo. Infine ti abbiamo ritrovato nelle liste dei giovani emergenti 'giallo fluo' e addirittura ora assessora alle attività educative. Bene, questo è il racconto di questi 6 anni di 'politica legnanese'. Ora mi devi spiegare una cosa: ti indignasti tanto per ciò che avevamo deciso a maggioranza, per una questione morale, ora che sei al 'potere' cioè nella 'squadra di governo della Città', non ti fa un po schifo sapere che la tua maggioranza respinge una mozione sulle ludopatie che pareva di GRANDE buon senso ? Non ti fa schifo che il tuo vice sindaco vada dai soci di Accam a dire il contrario di ciò che ha stabilito all'unanimità il sovrano Consiglio Comunale composto da gente eletta, non nominata come nel tuo caso. Non ti fa schifo che si spendano 4 milioni di euro per rinnovare un Teatro e fatti 3 spettacoli si temporeggi lasciandolo li solo e vuoto ? Non ti fa schifo che si spendano decine di migliaia di euro per modificare un PGT che andava già bene cosi e lo fate a 6 mesi dalla vostra DIPARTITA dai banchi della maggioranza di Palazzo Malinverni ? Non ti fa schifo che 8 mesi fa senza dire niente a nessuno si decida di stringere il Cadorna e solo dopo furiose pressioni, tutti han capito che le corsie devono rimanere 4 ? Non ti fa schifo che 25 ragazzi neri siano confinati la in via Quasimodo senza alcun progetto se non la mera sopravvivenza ? Non ti fa schifo che per capriccio di qualcuno si aprano strade comodissime per poi non far passar nessuno e chi passa viene multato ? Ma dico io: sei ancora la Chiara che conoscevo, l'unica che mi saluta ancora con un sorriso non ipocrita o forse ti sei accorta che anche tu non conti un cazzo e decide sempre qualcuno anche per Te ? Si uso il mio blog per mandarti questo messaggio, perchè mi spiace veramente tanto di perdere un 'cervello emergente come il tuo', sei una bella persona, che ho apprezzato come il supremo Davide Crepaldi, unico a farmi venire le lacrime per la sua dipartita dal Consiglio Comunale. Chiara, sappi che essere complici è come essere colpevoli. Ma la mia è una opinione, nessuno mi deve insegnare cosa è la TRASPARENZA, la trasparenza sono io che esprimo le mie opinioni (anche se qualche volta possono essere discutibili), la trasparenza non sono i cerchi magici in cui ti sei inserita e non dirmi che 'i cervelli' per migliorare la città sono dentro li, mi faresti scoppiare in una grassa risata.... Questo lo vorrei dire soprattutto a te e di riflesso anche ai soldatini che dicono sempre signorsì senza sapere il perchè...E da ultimo, tutte le piste ciclabili dove sono andate a finire ? Zero, piste ed inceneritore erano i vostri cavalli di battaglia, finite il mandato e portate a casa ZERO. Sappiate che al prossimo giro non c'è il Berti che vi da una mano, anzi, vi toglierà tutto quello che vi ha regalato, almeno per 5 anni avete potuto gustare quanto è bello amministrare in un covo di serpi, opportunisti, amici degli amici, eccetera eccetera... Notizia dell'ultimo secondo, mi avete ripescato anche il profe per la Ticino Olona... Siete Forti.




















mercoledì 20 luglio 2016

STIAMO CALMI E' LA MENSA 2




L'immagine che vedete qui sopra è del 1940 circa, a destra la vecchia Stamperia Italiana poi De Angeli Frua scomparsa nel 1974 e a sinistra il convitto costruito nel 1923 e che ancora vediamo all'angolo con via Cairoli. Nello spazio antistante c'era la villa del direttore di fabbrica e proprio in basso a sinistra la scultura della famiglia, salvata e posta 'casualmente' nel cortile di villa Jucker sede della Famiglia Legnanese. Nel 1955 la fabbrica chiuse, il convitto fu venduto alla Franco Tosi che lo trasformò in mensa e dopolavoro, mentre il terreno della villa fu venduto a privati che nel 1961 diedero a Legnano un nuovo condominio, sede oltre che di numerosi appartamenti, anche del vecchio Hotel Europa poi Elitis di piazza Frua. Ecco, potrebbero essere gli ultimi mesi di vita del dopolavoro ex convitto, il commissario Lolli, con piglio deciso ha decretato la chiusura dell'intera area, parcheggio compreso, tutto pronto per l'alienazione del bene come scritto chiaramente nell'articolo da poco messo in rete da LN

Prima o poi, logicamente doveva arrivare questa notizia, e figurati se qualcuno si è degnato di renderla pubblica ( come afferma Lolli, sono 2 anni che si sa di questa cosa). Vorrei sapere anche se il Comune è in prima fila per l'acquisto della palazzina del tennis Bonfiglio come annunciato nella recente manifestazione di intitolazione del luogo, sarebbe un peccato non acquisire almeno quella. Dunque, il vecchio convitto difficilmente arriverà al secolo di vita, la posizione è troppo invitante per non procedere ad una speculazione edilizia, credo nessuno abbia un idea di recupero per quel luogo, ma non disperiamo, potrebbe succedere di tutto...


Sinceramente, quando guardo questa costruzione, la osservo, la amo, poi mi domando: mi sa che tra poco non ci vedremo più, tutto cambia, cambiamo noi, cambiano usi e costumi e la testimonianza spesso non ha più senso di esistere...La dentro migliaia di vite consumate per il lavoro, migliaia di vite che hanno mangiato e trascorso piacevoli pause, gente che si è anche sposata nella vecchia cappella esistente fino a che è rimasta della De Angeli Frua. Peccato, ma mi raccomando, se a qualcuno viene una idea fantastica per il riutilizzo, si faccia avanti, a noi piace tanto l'idea della testimonianza perpetua...


















sabato 16 luglio 2016

IL GRAZIE DEL 16 LUGLIO



























Per un giorno all'anno diventiamo tutti protagonisti di una pioggia di auguri ricevuti. Con l'avvento dei social poi, difficile non ricordarsi, te lo ricordano loro, e spesso pare brutto non spendere 5 secondi per un messaggio augurale. Il mio profilo fb contiene 2000 amici circa e al momento, ora di merenda italiana circa 400 amici mi hanno rivolto un pensiero. GRAZIE A TUTTI, prima della mezzanotte vorrei mettere un like a tutti, almeno un like per dirvi che mi fa piacere sentirvi, anche per un solo istante all'anno. Nelle ore passate, solo tragedie, una piccola pausa di piacere ci vuole proprio. Fate l'amore e non la guerra, che bel messaggio, mettete i fiori nei vs cannoni, altra chicca deliziosa... Non sappiamo cosa passi per la testa di miliardi di persone, pare tutto fuori controllo... Ma torniamo a noi: se potessi abbracciarvi tutti insieme e contemporaneamente, avremmo creato una corazzata di bellezza umana...Tentiamoci.
dan

venerdì 15 luglio 2016

DEMOCRAZIA A MODO LORO


Mentre in Francia si stava consumando una delle più orribili stragi, i nostri fenomeni nostrani organizzavano la pantomima in sala consiliare per sancire la loro vittoria: porteranno alcune centinaia di disperati in Città e si sfregheranno le mani per l'affare che gli gira intorno. I cittadini legnanesi prendono atto e se anche non sono d'accordo, un bel chissenefrega ed è finita li. Questa è la democrazia della banda del comitato culturale Polis e del suo rappresentante sommo, ora sindaco di Legnano (e ovviamente dei 'seguaci' ridotti ad un manipolo di qualche decina di persone). Pesantissima questa cosa, pesantissimo aver organizzato un incontro con la claque che applaudiva il solone di turno. Guarda caso, apprendo da Legnanonews, il prefetto 'casualmente' non c'era e i giochi non erano da discutere, i giochi erano fatti, oramai da settimane, ma apparire democratici fa sempre figo e loro sono bravissimi su questo. Come sempre poi le bugie nelle dichiarazioni sono più che clamorose: il sindaco afferma che sui 25 ragazzi di via Quasimodo c'è un progetto che va avanti... MA COSA STAI DICENDO ? Gli avete fatto fare 'i vigili' davanti alle scuole per una settimana e loro pretendevano di essere pagati, gli avete detto che non si poteva e loro sono rimasti a casa e avete dovuto ripiegare sulla ricerca di nonni... Falsi come giuda, vergognosamente falsi, il metodo di mentire sapendo di mentire oramai è diventato quotidiano. Non vedo l'ora che arrivi la prossima primavera per resettare questa bugiarda amministrazione, fallimentare e piena di dilettanti allo sbaraglio, pronti però a saltare sul carro di 'interessi diffusi' 'sempre umanitari' mica per il proprio interesse... Vergognosi e irrispettosi anche del Consiglio Comunale intero, ignorato e sbeffeggiato ogni qualvolta si affronti un argomento, c'è da rimpiangere un passato che non è da rimpiangere e questa la dice lunga sulla capacità amministrativa di questi soggetti...

Questo articolo racconta la cronaca della presa per i fondelli.

mercoledì 13 luglio 2016

E' MORTO FRANCO TOSI

http://www.legnanonews.com/news/1/60805/una_giungla_attorno_alla_cappella_funebre_franco_tosi_

Con questa chicca da prima pagina, direi 'premio dieci e lode' anche agli addetti della comunicazione del sindaco. Con tutti i problemi che ci sono da risolvere, il primo cittadino per catturare un po di attenzione, si reca al cimitero nei pressi della tomba del Tosi e scopre che è morto da più di 100 anni e che l'erba cresce, anche presso le cappelle + importanti di altre... Il buon Giorgio Piccioni, 9 mesi fa scrisse al commissario Lolli denunciando il degrado del sepolcro e fu accontentato: in una giornata di lavoro vennero tolte tutte le sterpaglie, fatta una pulizia straordinaria et voilà, la tomba riprese una sua dignità.


Questa è la foto che pubblicò a novembre 2015 l'ex dipendente Tosi con i ringraziamenti al commissario per aver messo in pratica la sua richiesta. Ora, nel cimitero monumentale di cso Magenta si stanno spendendo oltre 2 milioni per la riqualificazione, per la verità ne servirebbero il quadruplo per sistemare tutto, ma per ora accontentiamoci di quello. Mandare li 2 persone a dare una ripulita alla cappella senza fare troppo il fenomeno è più un dovere civico che 'un lavoro in più'. Questa amministrazione sulle erbacce fuori controllo è già stata pizzicata più volte e su entrambi i cimiteri, nel caso specifico, non serve 'la prima pagina', servono dei guanti e un paio di attrezzi e agire, senza fare troppi comunicati stampa, o prendere al volo ciò che aveva fatto il cittadino Piccioni e non far crescere la foresta per poi denunciare l'incuria. O Centinaio, ti devo dire tutto, mi tirasti le orecchie al primo Consiglio Comunale quando ti trovai la magagna dei libretti di fine mandato di Vitali e me li hai fatti sparire perchè non volevi che li distribuissi alla gente, promettesti una locomotiva targata Tosi da piazzare in un angolo della Città e non sei stato capace di mantenere la promessa...



Va che la gente non dimentica le promesse non mantenute e i canovacci finti come questa uscita, sono semplicemente patetici e carichi di ipocrisia, altro che amore per Legnano...
Massimo rispetto per la figura immensa dell'ing Franco Tosi, nel mio piccolo ho già scritto molte cose su di lui e la sua famiglia, al cimitero ci vado poco e niente a pregare sulle tombe, ma mi piace ricordare e raccontare, come tanti dovrebbero fare...


Franco Tosi ancora una volta protagonista nella Città del Carroccio, grazie sindaco perchè ce lo hai ricordato, anzi ti regalo un video che forse non hai ancora guardato...




martedì 12 luglio 2016

SCADORNATEVI DALLE RISATE




























Sarebbero bastati 4 cartelli e un paio di telecamere 'per rendere più sicuro il Cadorna', invece, i maghi della risata ce l'hanno proprio messa tutta per scavarsi la fossa da soli, e ad un certo punto, vien da dire: ben vi sta. Credo di essere stato il primo, il giorno 12 dicembre 2015 a reagire 'malamente' alla notizia apparsa sui giornali, per esemplificare linko quella di Legnanonews:

Il giorno dopo mi sono scatenato con questo simpatico post a cui ne sono seguiti molti altri, ma questo è il più bello, il più istintivo...

E' importante leggere le date, danno una cronologia esatta degli eventi, che hanno portato quest'oggi dopo contestazioni, raccolte firme, interrogazioni, ricorsi al tar, a stravolgere il principio degli annunci, portandolo verso la realtà dei fatti e cioè che il Cadorna rimarrà com'è con l'aggiunta di uno spartitraffico e di nuova illuminazione al prezzo popolare di mezzo milione di euro, pagati ovviamente dalla collettività, mica dai geni della lampada...
Se dovessi linkare la rassegna stampa di questi 7 mesi sul problema, dovrei star qui una settimana, voglio invece postare il cartello partorito dalla Lega legnanese e una frase riportata dal Consigliere Marazzini, uno di sinistra che la sinistra non ha voluto in seno ( erano ancora quelli che mangiavano i bambini...). Partiamo col cartello simpaticissimo:


Dovrei tagliare la parte in basso, ma la lascio integrale, mica siam qui a fare pubblicità ai concorrenti... Mi concentrerei invece sulle parole di Giuseppe Anacleto Marazzini tratte da LN:

La vicenda del progetto Cadorna mette bene in evidenza quanto il governo della Città sia sempre più accentratore, una modalità per nascondere che la giunta Centinaio è una barca piena di falle. Appena se ne chiude una, un’altra se ne apre; è una barca governata da un equipaggio, che non ha neanche la qualifica di mozzo. Con questo equipaggio si affonda. Ai cittadini consiglio di cambiare compagnia di navigazione.

Giuseppe Anacleto Marazzini

Se si da uno sguardo al count down, ad oggi siamo a meno 287 considerando il 25 aprile giorno dedicato alla Liberazione, e alla fine dei conti, se avverrà sarà molto meritata, se dice Marazzini di cambiare compagnia, bisognerà pure dargli atto, il problema è scegliere quale altra...



   

lunedì 11 luglio 2016

RINGRAZIARE & RICORDARE

Ed ecco un nuovo stimolo per scrivere qualcosa di emozionante: la scatola delle vecchie foto di famiglia, cavolo che numeri che ci sono dentro, ed oggi quei giovani volti divenuti vecchi o trapassati, li voglio mettere qui, sulla piazza virtuale, perchè è terapeutico rivedersi e rivedere chi ti ha portato fino a qui...




















La seconda in alto da sinistra era la nonna Pasqua nel 1935, lei era dell'11, ci ha lasciato nel 1997, lei è stata la mamma di mio padre, figlio unico e devo dire (sarò di parte ?) un bambino molto bello...


C'è chi sostiene che ci assomigliamo abbastanza, io non ho una foto da bambino cosi in primo piano a 8 anni, il fotografo può essere bravo o meno, ma se il soggetto è già bello di suo, può cambiare da bello a capolavoro...


Eccone una fatta a scuola penso o in seconda o in terza elementare... Dai il mio babbino era un pezzo + bellino... Poi poco più di ventenne decise di sposare questa ragazza qui:

La ragazza in questione aveva 21 anni all'epoca, si sposarono in un agosto di fuoco, i suoi genitori erano il nonno Giovanni e sua moglie Pasqua, di loro non ho foto da giovani, mi accontento di quella che segue quando oramai negli anni 70 i nonni erano proprio 'nonni'... ( ma chi ha la fortuna di avere 2 nonne Pasqua ?)

Siamo in un appartamento del caseggiato che insiste tra le vie Cavour, Pietro Micca e Mazzini, le case messe in piedi nel 1906 da Carlo Dell'Acqua, in questo locale precisamente sono nato e per questo ci sono particolarmente affezionato.


Tornando a bomba sulle somiglianze: qui avevo 20 anni, la foto è quella che è, devo tirarne fuori una del matrimonio a 26 ?

Era il 27 marzo 1989, lunedi dell'Angelo... Poi col tempo siamo invecchiati anche noi, i nonni ci hanno lasciati, i miei genitori per fortuna sono ancora arzilli pur avendo raggiunto i tre quarti di secolo, mentre Rosa li ha persi entrambi, si guarda avanti come la freccia scagliata dall'arco...

Un passo indietro, una rara foto con papà e i miei due fratelli, quando il Berti Ugo osava col capello leggermente lungo. qui saremo a occhio nel 75... Bene, con questo post ho rispolverato qualcosa che mi era sfuggito, il libro della vita si sfoglia e un po ingiallisce, le foto aiutano a ricordare e ringraziare, chi, soprattutto, ha avuto l'intelligente idea di amare un altra persona anche per pochi minuti, minuti giusti, in cui ciascuno di noi, ha corso più veloce degli altri, per aprirsi al mistero della vita...



tag Berti Pasqua, Pavan Pasqua, Corazza Giovanni, Berti Ugo, Corazza Adriana, Maria Rosa Regalia.