Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

venerdì 20 maggio 2016

IL VENTICINQUE DEL VENTISEI...



Ecco il Silvio Colombo, un amico conosciuto negli anni dell'adolescenza, rimasto tale fino al momento del suo addio avvenuto due anni fa... Non  ricordo perchè non gli ho scritto subito un post per imprimerlo a futura memoria, ma quest'anno è un occasione speciale per ricordarlo nel 90° anniversario della sua nascita. Dalla foto si capisce che era una persona speciale, ex disegnatore Franco Tosi, era uno di quei legnanesi che ha fatto in tempo a fare decine di bagni nell'Olona alla cascatella di via Gabinella, era uno di quelli che da bambino amava salire sulla biloria per farsi investire dal vapore dei treni in transito... Quante storie mi ha raccontato il Silvio, e la migliore rimane quella della sua data di nascita: "quanti anni hai ? Sono nato il venticinque del ventisei"... Ci voleva qualche secondo per capire la battuta, una battuta con un destino incredibile: nato il venti-cinque del ventisei e morto il ventisei del cinque del duemilaquattordici... Il Silvio e la sua criniera bianca già a 40 anni, quando si sposò con una donna special come la Luciana, insieme hanno messo al mondo 2 creature che sta foto riassume l'immensità di questa famiglia modello...


Quante risate ci siamo fatti per la tenerezza di questa immagine, questa è la genuinità della vita ! Con questa famiglia (e con altre), ho vissuto i tempi dell'oratorio vedendo crescere i ragazzi giorno per giorno, ultimamente un po troppo spesso mi tocca parlare di qualche amico/a trapassati, ma il Silvio è come esistesse sempre, la sua immagine è indelebile x qualsiasi persona che lo abbia conosciuto. Ottantotto anni, un contratto che tutti stipulerebbero da subito col Padre Eterno, il destino ci ha fatto incontrare negli ultimi 35, e io sono felice di questo, perciò caro Silvio, buon novantesimo compleanno, sei sempre qui con noi, anche se ultimamente ti piace giocare a nascondino, come ai tempi dei balilla, i tempi della tua infanzia...


Nessun commento:

Posta un commento