Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

domenica 31 gennaio 2016

QUESTA MI PIACE


Ieri nel tardo pomeriggio, sono passato da via Vespucci, quella via che dal semaforo di piazza del Popolo arriva fino alla Ciro Menotti.
Essendo una via a senso unico l'ho imboccata da nord e dopo pochi metri mi sono trovato questa meraviglia sgombra di ponteggi che la oscuravano: very very good. E' stato fatto un bellissimo lavoro di recupero di villa stile liberty, forse in pochi ci credevano sulla buona riuscita dell'operazione, invece vi assicuro, l'effetto è gradevole, la zona molto tranquilla e il tuffo nella storia assicurato. Ho visto tante belle strutture semi abbandonate in Legnano recuperate e messe a norma con risultati fantastici ed effetti emozionanti: ricorderete quella casa in via De Gasperi, ridotta ad un cadavere, trasformata in un gioiello...
Facendo girare questo post, qualcuno ci racconterà di essere entrato in quella villa ora trasformata in condominio, magari salterà fuori anche chi l'ha abitata, vediamo, Legnano è cosi grande ma anche cosi 'familiare' che ci si riscopre un po tutti parenti...
Aggiornamento in data 26.2.2015: ricevo una gradevole telefonata dal sig Guazzoni che mi ringrazia per il post e mi da 2 notizie importanti. La prima è la conferma della data di costruzione della vecchia villa, 1915, e la proprietà era della famiglia Bolla, la seconda riguarda 'i meriti' della ristrutturazione, la firma è del figlio architetto Roberto Guazzoni...Bene, sono soddisfatto...






































































sabato 30 gennaio 2016

IKEA NON SI FARA' (ditelo all'assessore)
















Leggo su Legnanonews un articolo interessante in cui il TAR, tra le righe, dice che dalle prossime volte, anche i comuni confinanti avranno il diritto di entrare nell' Accordo di Programma se coinvolti in aspetti viabilistici o di sviluppo del territorio. La vicenda IKEA è stata gestita in qualche modo, a ragione o torto anche la Regione ci ha messo del suo, sappiamo per certo che i comuni di Cerro e Rescaldina la volevano (non l'attuale Giunta Cattaneo di Rescaldina che ne ha fatto una battaglia in campagna elettorale per il NO), Legnano ha 'sonnecchiato' e alle sollecitazioni ha sempre risposto NI, ma quel NI assomigliava ad un 'SI se ci guadagniamo qualcosa'. Ora l'AdP non esiste più, nè la Regione, nè Rescaldina ci stanno più, quindi caro Assessore, abbiamo ottenuto una platonica ma importante vittoria per il futuro di altri progetti lombardi, vittoria che doveva già essere applicata con il buon senso. Linko l'articolo cosi ve lo leggete per bene, sono soddisfazioni anche queste, e mi viene da sorridere pensando che nell'ultimo mese si stanno scervellando tutti per restringere il viale Cadorna....Hahahhahaha, dai, chiudiamola con una risata, niente Ikea e niente Cadorna ristretto, questo non è ancora certo, ma ci sono buoni margini di sicurezza per scommetterlo anche oggi.

Buona lettura !

mercoledì 27 gennaio 2016

CADORNATI E MAZZIATI


La saga della Cadornata quotidiana continua, domani leggerete sui giornali la smentita del PD, il quale sarà tutto con il sindaco, e avanti a barra dritta senza dare retta a nessuno. La saga è partita con un annuncio sul giornale, ha scatenato le proteste anche dei più moderati, ha scatenato dubbi anche all'interno della maggioranza MA, vigliacca se hanno convocato una assemblea pubblica per decidere il futuro della Città. C'era un progetto li pronto nel cassetto degli uffici e lo hanno preso per buono, fottendosene delle proteste del 97 per cento della città. La domanda è: ci siete o ci fate ? Su questioni cosi strategiche e che cambiano i destini della Città vogliamo almeno confrontarci ? Vogliamo almeno avere qualche dubbio sulla bontà del progetto ? Si chiudono a riccio loro, come dovessero difendere una cosa 'loro', privata. E domani quindi, altra cadornata con la smentita a lettere cubitali su tutti i quotidiani...
Non ho parole, non voglio scrivere parole, perchè qui è arrivato il tempo di dire basta a questo metodo di trattare la Città. Io non voglio che si buttino nel cesso quasi 600 mila euro per questa cazzata, il Cadorna lo si può rendere più sicuro e vivibile con altre strategie che ho già spiegato nella primo post dedicato a questo tema, altri cittadini e forze politiche hanno detto NO, o almeno ad una discussione x cercare di migliorarlo. Tutto caduto nel vuoto.
Trentamila autovetture al giorno non si stritolano in un imbuto, ma si fa di tutto per farle scorrere meglio ponendo dei limiti, mettendo un divisorio tra le corsie che impedisca ai furbetti la volta a sinistra, non serve un laureato e forse nemmeno un diplomato, lo ripeto, lo ribadisco, questa non è la strada giusta (per fare cavolate).
Come previsto ecco la smentita, per loro, quasi tutto bene....


martedì 26 gennaio 2016

IL PRESSING DELLA CADORNATA





















Lo avevo scritto 45 giorni fa, questo progetto è nocivo, inutile, costoso... Ma io e tanti legnanesi, veniamo considerati degli emeriti cretini, allora i grandi soloni del PD cosa decretano ? Il progetto non s'ha da fare, perderemo consensi (la dignità di dialogare l'hanno già persa da tempo). La storia è tutta qua, si utilizzino il buon senso per garantire la sicurezza su quell'arteria trafficatissima, ma si evitino le vaccate, nel caso specifico le cadornate...
Mi gongolo di questa cosa, perchè è una lezione di vita più che una lezione politica: solo di fronte all'insistenza che arriva da più parti, il partito che rappresenta il 15% a Legnano, dimostra tutto il proprio dilettantismo, spacciandosi per 'intellettuale e di sinistra'...

L'articolo è chiarissimo: il PD contro il suo sindaco, hanno fatto sempre quello che han voluto pur rappresentando solo se stessi, quest'altra figura barbina aumenta ancor di più la voglia di rivederli in minoranza, quello è il massimo del ruolo che potranno rappresentare nel futuro della Città del Carroccio... Stasera al Consiglio Comunale musi lunghi ? Si prevede la visita di un paio di future probabili Sindachesse...

lunedì 25 gennaio 2016

TAMINO & BARBONE

Questi due signori si chiamano Daniele Barbone (in alto) e il prof Gianni Tamino (qui a fianco), costoro hanno delle visioni opposte sul futuro dei nostri rifiuti umidi, il primo è stato consulente di AMGA per promuovere la centrale a Biogas nei pressi della discarica di via Novara, garantendo l'assoluta bontà del progetto e di rischio ambientale zero, per il prof invece, questa centrale non s'ha da fare, ne ora ne mai, il rischio ambientale è troppo elevato. Non ho avuto la fortuna di ascoltare il prof, mi dicono che sia stato molto bravo nell'incontro dell'altra sera a Mazzafame, ma la domanda e l'appunto che muovo nei confronti dei Rifondaroli che l'hanno promossa è: perchè non fare un confronto tra esperti con visioni differenti degli obiettivi ? Di conferenze e commissioni negli ultimi 2 anni ne ho seguite diverse, e mi sono chiesto perchè non c'era mai il contraddittorio. Ho sentito parlare di comitati per il NO ma mai di dati certi sulla pericolosità di questo progetto, ho sentito parlare di Medicina Democratica, di Favoino, ma mai nessuno ha portato qualcuno di esperto per smontare o modificare le tesi sostenute da chi ha pensato questo impianto. Ci sono da investire più di 20 milioni di euro, non possiamo addormentarci, io sono uno come tanti che non conosce, perchè questo è un argomento per gente che ne sa, gente che possa certificare dei dati, per il presente e per il futuro. Ad ascoltare il mio omonimo, il progetto è stato migliorato al 1000 % sulla vecchia soluzione, ad ascoltare il professore è una cosa inutile e pericolosa, come la mettiamo ?
Questo è l'ultimo atto firmato dal professore, mentre qui sotto posto un link sulle teorie del consulente Barbone

Credo in molti non si abbiano le idee chiare, qui c'è in gioco il nostro futuro, i rifiuti vanno comunque smaltiti prima di essere sotterrati da essi, un confronto con i contendenti lo reputo necessario e aperto a centinaia di concittadini attenti, non con serate da 40 presenze per capirci...
Consiglieri Comunali, esigete questa cosa prima di essere accusati di complicità  dolosa, questi sono i fatti, bisogna convincerci un po tutti che fare la centrale o non farla cambiano diverse cose....

domenica 24 gennaio 2016

IL RISVEGLIO (DAL TORPORE)



























Questa sera ho letto un po di cosette interessanti, la migliore è questo nuovo annuncio della Giunta Comunale: "dobbiamo trovare 4 milioni per riqualificare la vecchia 'Accorsi' " come dichiarato  dall'assessore Colombo a Legnanonews :
Bene, questa RSA è stata abbandonata all'inizio del 2012 spostando personale e ospiti nella nuova costruzione a fianco, costruzione che già all'epoca lasciò molti dubbi, ma si sa, il tempo fa dimenticare in fretta tutto, ora, dopo 4 anni, salta fuori un progetto, che si dice, verrà condiviso con 'percorsi utili' con la Cittadinanza...
La struttura è 'nuova'(?) inaugurata nel '70 dall'allora Sindaco, ing Accorsi e nelle intenzioni di allora, doveva essere una casa-albergo in cui persone anziane rimaste sole ma autosufficienti, avrebbero condiviso come in una casa a ringhiera l'esperienza comune compresi gli spazi di svago, la ristorazione, i progetti proposti... Sui vecchi cartelli si parla ancora di 'casa per anziani'...
Le domande che sorgono spontanee sono queste: la Giunta è a fine corsa, fra qualche mese approverà l'ultimo bilancio di previsione perchè nel 2017 (in primavera) si andrà a votare e 9 su 10 non verrà riconfermata. Quindi per onestà, o ci pensava prima ad avviare questo progetto o giocoforza in questo momento si dovrebbe confrontare seriamente anche con le opposizioni oltre che con la cittadinanza... Puzza di campagna elettorale questo 'slogan' (verso la fine, facciamo vedere che abbiamo dei progetti per la città) e se ci sono voluti 4 anni per l'inaugurazione di un teatro, figuriamoci quanti ce ne vorranno per terminare questo progetto. Altra considerazione: bello sulla carta quanto dichiarato dall'assessore, ma abbiamo voglia di dire anche quanta zavorra per i cittadini costerà nel futuro ? Vale a dire, oltre ai 4 milioni per la ristrutturazione, quanto costerà mantenerlo ? Sarà autosufficiente o bisognerà ancora intervenire nel tempo con iniezioni di tasse per mantenerlo ? Housing Sociale va bene, ma coinvolgiamo i privati per non gravare tutto sulle casse del Comune. I 'gioielli di famiglia' come ama chiamarli qualcuno andrebbero fatti fruttare, non farli diventare un problema di e per tutti... Attendiamo sempre fiduciosi gli sviluppi delle biblioteche fantasma, degli ex tribunali, delle ex palazzine, delle ex scuole ecc ecc ecc...Qualcuno dovrebbe avere le idee chiare sul mandato quinquennale, si consumano 100 pagine di programmi elettorali quando ne basterebbe UNA ma completarla almeno. Quindi cara Giunta, caro assessore coscritto, attendo assieme a tutta la cittadinanza, il momento del confronto politico per capire, dati alla mano se anche questo è il solito annuncio o la Città ci guadagna qualcosa veramente. Il messaggio è lanciato.





venerdì 22 gennaio 2016

POVERO BILANCIO PARTECIPATIVO !


Questa sera, ho speso del tempo per andare ad ascoltare la presentazione del secondo ed ultimo bilancio partecipativo presentato dall'assessore Silvestri a tutta la cittadinanza. Bèh, successone di pubblico, alle 21.00 esatte ho varcato la soglia del superbo Palazzo Leone da Perego, un deserto, 10 persone presenti, su 120 sedie da riempire. Un po pochino. Si è cominciato allora alle 21.19, il pubblico è salito a 28 teste, tra cui volti noti, diciamo amici e parenti, ma qui uno vale uno. L'assessore ha tentato di far credere che quest'anno sarà tutto più facile, sempre 500 mila euro da investire, ma questa volta il tutto si divide in spesa corrente (150 mila euro) e spesa conto capitale (i rimanenti 350 mila), si propone, si vota, si supporta, poi la commissione che giudicherà, il voto dei migliori, la scrematura, le consulte, i decimali di voto, i supporter che valgono un centesimo rispetto alla commissione composta  da maggioranza e anche opposizione, poi la giunta, il sindaco... Ecco si andrà avanti fino a fine giugno e per allargare i numeri, includeremo anche i 14enni nelle scelte, a sto punto perchè non mettere dentro i bimbi delle elementari ? Sono molto bravi anche loro coi personal computer... Ah dimenticavo, i kit per la propaganda della propria idea...Tutto semplicissimo, da domani prenderemo d'assalto il sito  http://legnanoideale.it/invia-la-tua-idea/ e ci scateneremo con le proposte. Io ne ho in serbo due per i due settori:10 mila euro per organizzare il trenino all'interno della ex Franco Tosi e scoprirne la sua storia raccontata dai ciceroni ( per due  weed end consecutivi  per tutti e da lun a ven per le scuole).


E seconda proposta, munire gli otto spruzzi all'ingresso sud della città di stemmi recanti i colori delle 8 contrade, suggerimento piaciuto moltissimo sul gruppo fb di Sei di Legnano se.. Costo stimabile intorno ai 30 mila euro senza illuminazione, 45 mila con illuminazione.

E' bella anche cosi, ma volete mettere con l'aggiunta di 8 scudi ciascuno coi colori delle 8 contrade ? Del resto gli spruzzi sono 8 proprio per loro, arrivato il 2016 sarebbe ora di dargli un 'vestito'...


















La creazione fotoscioppata è dell'amico Adriano. L'ing Zanotta mi diceva tempo fa che il progetto è già nel cassetto... Sosteniamolo.
Propongo a qualche amico ( non si possono fare + di 2 proposte a testa, ciascuna x capitolo di spesa differente) di sostenere la causa di ristrutturazione della pista di biglie in piazza Trento e Trieste, per riportarla ai fasti del 1963 e seguenti quando era al top della propria originalità, oggi è cosi...


Bisognerebbe rinnovarla come da foto di repertorio...




















giovedì 21 gennaio 2016

SEI DI LEGNANO SE


























Oggi, post dedicato al gruppo più trend legnanese: Sei di Legnano se... La data di nascita del gruppo virtuale di legnanesi nati,vissuti, transitati, arrivati è il 4 febbraio 2014, quasi 2 anni da quando Stefano Del Monego ebbe la fantastica idea di aprirlo per poi cederlo ad altri amministratori: Andrea, Rosario,Adriano, Silvio, Gianpiero, Daniele, questi i loro nomi. in due anni siamo arrivati a quota 8600 circa fra un paio di mesi sfonderemo anche quota 9000.
Si interessarono quasi subito, anche la stampa cartacea e online del nostro gruppo, come dimostra l'articolo linkato qui sotto :
dopo 10 giorni eravamo già 4000 come riporta l'articolo e un gruppetto si ritrovò in piazza per la prima foto assieme. Ma quante ne abbiamo passate in questi due anni ? Arrivò anche un simpatico apericena il 13 aprile dello scorso anno con 100 partecipanti circa e la sorpresa di avere con Noi il gruppo folkloristico i Amis... Foto, video, eventi condivisi, grande entusiasmo, emozioni, discussioni, molto spesso costruttive, solo poche volte sterili, insomma un bel gruppo che contribuisce coi ricordi e l'attualità a vedere il bello di Legnano perchè nella vita è meglio sorridere che arrabbiarsi spesso. Abbiamo dovuto scegliere di approvare i post per evitare spam e off topic, guardando quello che succede nella giungla di facebook siamo convinti che sia la scelta giusta, e continueremo ad emozionarci cosi, con il bello che c'è in tutti Noi, e col bello che c'è o c'era nella nostra città, facendo proposte, sognando magari cose impossibili, proponendo sondaggi, tenendo sempre gli occhi aperti su tutto, perchè è cosi che si crea una grande socialità. E' il nostro un gruppo tenuto sotto la lente di ingrandimento anche dagli amministratori locali 'per tastare il polso' delle opinioni comuni e questo ci rende estremamente FORTI, le nostre opinioni, hanno il loro peso... Continuiamo cosi, cerchiamo nei cassetti foto inedite della nostra città, condividiamo ricordi e proponiamo progetti, solo cosi ci sentiremo VIVI in una città piena di risorse, appunto, la Città del Carroccio, ce ne sono altre tra gli oltre 8000 comuni italiani ??

































domenica 17 gennaio 2016

GRAZIE GUIDO SUTERMEISTER !


Questa mattina, visita al museo di Legnano, dedicato al grande appassionato di archeologia Guido Sutermeister. Perchè scegliere di fare una visita la ? Perchè il museo, è un patrimonio di tutti e grazie all'impegno della professoressa Volontè, curatrice del sito, ora possiamo dire di poter effettuare delle visite, e uscirne con una certa soddisfazione. Andai a visitarlo per la prima volta 6 o 7 anni fa, ne uscii leggermente deluso, e mi domandai se valesse la pena tenere aperto quel luogo in quelle condizioni. Con piacevole sorpresa, ieri per caso mi sono trovato li e spinto dal custode Ruggero e dalla profe, ho visitato 'un altro museo', migliorato in tutto e con soddisfazione, questa mattina con un gruppo di amici, ne ho goduto del suo contenuto, finalmente esposto in maniera degna, con tanti pannelli esplicativi con una guida da portare a casa molto ok.


Anfore , vasi, urne, lanterne, monili, attrezzi la fanno da padrone, addirittura c'è una bellissima urna unica in tutta Europa, e la affascinante raccolta di monete è la ciliegina sulla torta, proprio nella saletta più alta del maniero ricostruito per diventare museo...





















Peccato che i legnanesi conoscano poco questa perla, un sondaggio effettuato su fb indica inesorabilmente un dato: il 40% non ci è mai entrato, il 30% una sola volta, e il rimanente 30% più di una volta...
Questo post nasce per promuovere la conoscenza del sito museale, in fondo contribuiamo tutti per il suo mantenimento, esiste un gruppo di volontari che si fa carico di promuovere attività in quel luogo assieme all'assessorato alla cultura, io, da testimone oculare, posso solamente dire che ORA ha raggiunto una dignità che prima non trovavo, pur rimanendo orfano del trittico del Previati spostato nel 2011 al Castello. Andateci amici, il luogo è anche ben riscaldato, sarebbe fantastico fermarsi anche per un tè o un caffè, ma quelle sono fantasie per il futuro...




















Ed ora gustatevi degli scatti dell'amico Francesco Morello, colui che con una macchina fotografica, inventa la poesia di un luogo...






































































































































































































































































sabato 16 gennaio 2016

JACOPO ORTIS DE NOANTRI

Da oggi, data palindroma 16.1.16 inauguro una serie di lettere rivolte al primo cittadino legnanese, cercando di proporre o suggerire qualcosa, in veste di Consigliere Ombra, come mi definisco dopo l'uscita volontaria dal nostro Consiglio Comunale.
Qual'è lo scopo ? Quello di ragionare a voce alta senza veli, in trasparenza, come si ama dire e mai mettere in pratica, usando la democrazia vera, non quella tra virgolette, quindi mi accingo ad esporre il primo pensiero, da qui ai prossimi 450 giorni mancanti alla fine del mandato, usando la numerazione progressiva di Jacopo Ortis, che nel caso specifico non si suiciderà come descritto nel libro di Foscolo, ma rimarrà qui a vivere gli eventi, finchè il Padreterno mi terrà in vita.
Carissimo Sindaco,
oramai la nostra decennale amicizia, credo sia finita, mi hai utilizzato per i tuoi scopi ( arrivare a farti eleggere Sindaco) e poi mi hai scaricato praticamente da subito come una ingombrante scarpa vecchia approfittando della mia ingenuità e genuinità.
Sono passato a criticarti pesantemente perchè hai deluso me ma soprattutto la città, passati 1300 giorni dal tuo insediamento in troppi si chiedono COSA HAI FATTO assieme alla tua squadra nella Città che dici di amare. Hai promesso alla città di togliere di mezzo i Diavoli e la legge elettorale ti ha aiutato in questo, ma poi oltre alla pazzesca tassazione, si è visto poco e niente, più niente che poco, si, parole e annunci tanti, opacità molta, annichilimento del Consiglio Comunale, quello si l'hai fatto per bene e tanta perpetua campagna elettorale in attesa della seconda candidatura per il secondo mandato. Ascolta un cretino, che sarei io, tanto me lo hai fatto già sapere più di una volta, se ami davvero la tua Città e il tuo partito, evita di ricandidarti, faresti un inutile bagno di sangue, anche se Renzi ti darà l'aiutino. Lo sai già e te lo ripeto per l'ennesima volta che non hai vinto nel 2012 con i 'tuoi' elettori, la minoranza, come ami sottolineare, rappresenta a Legnano i due terzi dell'elettorato, in parole nude e crude, già nel 2012 NON ti volevano oltre 16 mila elettori, i tuoi con la tua coalizione superavano di poco gli 8500, e questo è un dato importantissimo. Figurati nel 2017 dopo 5 anni di tartassamento, di strade dissestate, di città spesso abbandonata a se stessa se qualcuno potrà volerti ancora come Sindaco... Dai, ragiona... Ma al di la di questo, che non è altro che un pensiero trasparente, volevo farti una proposta di distensione cittadina per capire se proprio sei cosi pieno di te stesso oppure mi sbaglio io a pensarla cosi: Ieri sono andato a comperare i biglietti per lo spettacolo inaugurale del Nuovo Teatro Legnano Tirinnanzi e ho visto mentre sceglievo i posti che hai prelazionato la prima fila per una dozzina di persone: facendo 2 conti della serva, sono i posti tuoi, della Giunta, un paio di consorti e nulla più... Ma i 24 Consiglieri Comunali, non meritano un posto vicino a Voi per godersi lo spettacolo IL ROMPIBALLE di Max Pisu nostro emerito cittadino ? Ma non ti pare il caso di invitare almeno l'ex Sindaco dottor Lorenzo Vitali che ha dato inizio all'iter della ristrutturazione del Teatro che tu inauguri dopo ben QUATTRO ANNI ? Un po di riconoscenza a chi come te ha occupato quel ruolo per 5 anni (e che più di te ha fatto per 5 anni l'assessore e per altri 5 il Consigliere Comunale), non la vogliamo dare ?
Cosi, mi sentivo di dirti questa cosa, perchè spesso e volentieri chi taglia il nastro non è fautore del progetto e umanamente io non me la sentirei mai di dimenticare chi ha cominciato un percorso.
Ecco, questo è il tema della prima lettera di Jacopo Ortis de Noantri, il nastro vero e proprio tra l'altro, si taglierà qualche giorno prima, sarebbe un gesto stupendo avere in scaletta l'intervento di Lorenzo Vitali tra tutte le 'istituzioni' che 'prenderanno la parola' per la circostanza, da ultimo, per sottolineare il concetto di Democrazia non tra virgolette, volevo dire che il sopra citato farmacista ha ottenuto solo 500 voti meno di te nel 2012 fermandosi coi suoi sostenitori a quota 8186 contro i tuoi 8667... I numeri alle volte sono implacabili e pensa che se raggruppassimo chi ha preferito Me, Fratus e Marazzini : insieme sono altri 7833, se vale il concetto di rappresentanza, devi ammettere che la vera minoranza la rappresenti proprio Tu.
Alla prossima vecchio amico Centinaio...

giovedì 14 gennaio 2016

PROTAGONISTI CANINA E TAJE'


Oggi giornatona per quanto riguarda le emozioni da condividere e questo post sembrerà più un TG che un singolo racconto, 4 le cose da raccontare, una più bella dell'altra. Partiamo in ordine cronologico: acquistati i biglietti per lo spettacolo inaugurale del 5 aprile al teatro Tirinnanzi Città di Legnano con protagonista il legnanesissimo Max Pisu, anche se pare lontano l'appuntamento i biglietti stanno andando a ruba, e il teatro rinnovato potrà contenere un pubblico di 'soli' 600 spettatori, biglietto popular 20 euro. 


A seguire un bellissimo regalo del direttore di Legnanonews: mi ha piazzato in mano una serie di libri e riviste legnanesi, la più interessante riguardante la vita di san Paolo del 1973, di seguito posterò alcune perle, ma anche fogli della Prealpina quando lui e altri nomi celebri erano collaboratori e riviste sul Carroccio + chicche su calcio, ciclismo e nuoto. Basta parole, godiamoci le foto





















Il 'rione san Paolo' prese forma verso la fine degli anni 60 e nel 70 nacque la parrochia ancora dipendente dai ss Martiri, questo era il progetto iniziale, poi la Chiesa grande si fece un po più in la, e San Giovanni con la sua architettura tutta speciale, completò le 'esigenze' di un quartiere che si sarebbe sviluppato fino ai giorni nostri...



1973, l'asilo è a buon punto...




















L'Esagono col villaggio Marcolini... Ah laddietro non vedo l'ospedale nuovo, ah giusto, nello stesso momento nei pressi dei colli di sant'Erasmo era appena nato il Monoblocco, oggi pronto x essere demolito... Sigh.



La prima pietra dell'asilo...



E la seconda marcia di Quatar gèès


Datato 1992 il primo progetto della pista per la corsa dei cavalli per il Palio...

E nel pomeriggio, l'amico Roberto Canina, rovistando negli archivi di una delle tante ditte perdute in città, la Binaghi e Moretti, mi ha fatto avere delle splendide foto, ve ne propongo qualcuna, so che vi piace...



Fognature nuove in via Roma, primi anni 60,foto da via Vittoria verso piazza Frua



Ma come fece il sindaco Tenconi a concedere questa licenza ? Sullo sfondo a destra il palazzo Inail, entrambi cresciuti a cavallo del '57-'58






















Notevoli sul Sabotino le prime case popolari...


















Ed è spuntata fuori un altra foto sulla copertura dell'Olona in piazza Carroccio, sullo sfondo le scuole elementari De Amicis, qui siamo nel 55, gustatevi i particolari...




Bene, per finire in bellezza, voglio riprendere un bellissimo articolo creato dall'amica Sarah Zambon di Settenews, riguarda un concorso proposto dal Collegio dei Capitani un paio di lustri fa, leggete la storia, è notevole...