Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

sabato 7 febbraio 2015

LA PASSERELLA DELLE VANITA'


Bene ha fatto chi questa mattina è rimasto a casa e non si è cuccato
un'imbarcata di freddo in uno dei capannoni della Tosi, appositamente allestito per un Consiglio Comunale aperto. Lo sapevo già che sarebbe stata una tavanata galattica, ma alle volte mi
sbaglio e ho voluto sbatterci la testa, per 3 ore ho voluto stare li a congelarmi nel luogo simbolo, e con me almeno altre 300 persone, molti dipendenti, molte autorità, le quali sul freddo non possono certamente darmi torto...Poi il rito, le parole vacue di sindaco, sindacalisti, consiglieri regionali, parlamentari, tutta gente col culo al caldo e con lauti stipendi che partecipa più per un senso di colpa che per la convinzione che la Franco Tosi si possa salvare. Il commissario Lolli, bloccato dalla neve al suo Paese era l'unico che non doveva mancare, era l'unico che poteva dare delle risposte certe, invece lui non c'era, c'erano inoltre l'assessore regionale Garavaglia della Lega, sempre dalla regione ha preso la parola il grande Buffagni che pur essendo il 'grande 5 stelle vicino ai cittadini' non si è degnato di saluto perchè sono un appestato traditore, c'erano i legnanesissimi onorevoli Alli e Monaco, ma della Tosi, del futuro della Tosi, solo aria fritta, parole ,parole,parole che mischiate al freddo cane rendevano la situazione veramente imbarazzante...Giunta e Consiglio Comunale, li a fare le statuine in un presepe allestito x questa pantomima e costato anche dei soldi tra impianto, sedie e presenza di personale del comune...
Ecco, chi ha voglia e tempo, si legga questa relazione, questa vale
più di mille sante messe istituzionali fatte al gelo stile Betlemme, e
l'unico che ha messo un po' in discussione la situazione è stato il sindacalista Rota, in fondo, chiedere il salvataggio di un'azienda al governo, presuppone certezze per il futuro, di provvedimenti tampone ne sono stati adottati fin troppi.
Questo è il post di qualche giorno fa, la situazione reale rimane quella descritta qui, fatte commissioni e Consiglio Comunale aperto
nulla è cambiato, perchè nulla potrà cambiare se non salvare 170 posti di lavoro e lavoro dove stabilirà il nuovo proprietario.
Il resto è passerella, quella di oggi porterà anche qualcuno a letto col raffreddore, al cinema Galleria avremmo assistito certamente ad uno spettacolo almeno degno di comfort, e potevamo parlare tutti anche e perfino i Consiglieri comunali...

Nessun commento:

Posta un commento