Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

lunedì 19 maggio 2014

LA DOPPIA MORTE DEL CIMITERO PARCO


Su segnalazione di alcuni cittadini, ieri sera è scoppiata la polemica
sulle condizioni del cimitero parco. I toni si sa, fanno presto ad
andare oltre i limiti, ma questa volta, devo ammettere, ci sono tutte
le ragioni... Il cimitero parco è un luogo abbandonato a se stesso,
erbacce ovunque, sulle tombe e negli spazi comuni, rami spezzati
ovunque, corvacci che per completare l'opera scoperchiano vasi e piante...Mi sono depresso...Ho avvisato mezzo mondo fin da ieri
sera, stamattina, lavoratori col decespugliatore anzichè col
rasaerba... Ma siamo impazziti ??

Ora è giusto che qualcuno risponda e spieghi ai cittadini perchè
questi morti devono morire due volte, non mi dicano della
spending review, non ci credo, non voglio crederci, una volta, solo qualche anno fa, esisteva un prato quasi all'inglese, e qualche volontario sulla propria tomba ha voluto mantenere...
Ma non scherziamo, cosi deve essere il prato su tutta la superficie
del cimitero, non erba selvatica rasata si e rasata no...Le foto che metterò di seguito sono impietose, crude, inquietanti...e ora ?
Per domani sera, al Consiglio Comunale altra benzina da mettere sul fuoco, cosi non si può fare.




E per finire i campi senza più un nome, una data...Una tristezza infinita, già non fosse di per sè triste la morte...






1 commento:

  1. Fare l'amministratore di un Comune di questi tempi è come andare in guerra e tornare sconfitti senza neanche aver combattuto, però io dico sempre che la politica è fatta di scelte e di buon senso, invece per alcuni è fatta di programmi, probabilmente la gestione del cimitero non è nel programma, non è una priorità, quindi la si lascia alla buona volontà del cittadino, come il decoro urbano, le buche nelle strade, ecc. Conti alla mano, c'è il patto di stabilità che strozza, la depressione economica che attanaglia, il lavoro che non c'è. Però il comune di legnano ha dovuto approvare il bilancio a dicembre 2013, conti fatti risulta in attivo nell'anno 2013 di circa 2,5 mln di euro.soldi che andranno in banca di Italia e che non ritorneranno al comune e non serviranno nemmeno come attivo per l'anno 2014.
    nonostante l'attivo il comune si è permesso di chiedere a fine anno la mini imu ai cittadini che ha permesso di intascare circa 1,1 mln.
    La politica forse non può risolvere tutto ma può scegliere dei buoni tecnici per farlo.

    RispondiElimina